Inchiesta Bcc, pm chiede conferma delle condanne

Valle D'Aosta
@ANSA
b8b083060cfcaa6294a748f738bcd5a4

Il sostituto procuratore generale di Torino, Giancarlo Avenati Bassi, ha chiesto alla Corte d'appello la conferma delle condanne nei confronti dell'ex assessore alle finanze della Valle d'Aosta, Ego Perron, e degli ex presidenti della Bcc Valdostana, Martino Cossard e Marco Linty. L'11 novembre 2017 il gup del tribunale di Aosta, Davide Paladino, li aveva ritenuti responsabili di induzione indebita a dare o promettere utilità: l'ex assessore era stato condannato a tre anni di reclusione e i due ex presidenti a un anno.
    L'ipotesi di reato riguarda il trasferimento - mai finalizzato - della filiale di Fenis dell'istituto di credito dalla sede di proprietà a una sede in affitto in un immobile dell'assessore. Secondo l'accusa Perron, con l'obiettivo di ottenere un contratto di locazione per l'immobile, si prodigò per far rieleggere Linty nel consiglio di amministrazione della banca. Le difese termineranno le loro arringhe il 6 giugno prossimo. 
   

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.