Difesa sindaci Casinò, bilanci corretti

Valle D'Aosta
@ANSA
9a982430f32760f7d6606d921a366d98

Legale Sommo, nessuna truffa, bilancio chiuso dopo finanziamento

"I sindaci non hanno il controllo contabile" e "i bilanci sono stati redatti in maniera corretta, abbiamo delle consulenze tecniche che lo hanno rappresentato".
    Lo ha detto ai giornalisti l'avvocato Maria Rita Bagalà, che assiste Laura Filetti e Jean Paul Zanini, due tre membri del collegio sindacale imputati nel processo per truffa e falso in bilancio sui 140 milioni di euro di finanziamenti regionali al Casinò di Saint-Vincent. La consulenza per i sindaci è del "presidente dell'assemblea nazionale dei principi contabili".
    "Le imposte anticipate - ha aggiunto l'avvocato Bagalà - rispondono a un principio contabile, cioè non sono un'invenzione. E' una previsione che non si fonda su requisiti di carattere oggettivo come ritiene la Finanza, ma su previsioni". Su questo "abbiamo bisogno di una consulenza di segno contrario che ci dica che le cose non stanno così, vedremo".  La parola è poi passata all'avvocato Saverio Rodi, che assiste l'ex amministratore unico del Casinò Lorenzo Sommo con la collega Federica Gilliavod: "Non c'è - ha detto ai cronisti - alcun tipo di truffa, nel senso che l'operato dell'avvocato Sommo che ha licenziato il bilancio al 31 dicembre 2015 è successivo alla delibera che è l'ultima in contestazione, la delibera del 10 dicembre 2015. Il bilancio dell'esercizio 2015 si chiude successivamente, quindi io non posso strutturare un inganno su una delibera del 2015 quando il bilancio non c'è ancora".


   

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24