Untore hiv: Cassazione conferma condanna a 16 anni e 8 mesi

Marche
6768b6f0297a6f34d86d27984433176d

Accusato di avere contagiato compagna, poi morta, e ex fidanzata

(ANSA) - ANCONA, 15 DIC - La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 16 anni e 8 mesi inflitta in primo e secondo grado a Claudio Pinti, 38 anni di Montecarotto (Ancona), per avere trasmesso il virus dell'Hiv consapevolmente alla sua compagna, morta nel 2017, e poi di avere contagiato anche la sua ex fidanzata. Respinto quindi il ricorso della difesa dell'imputato, attualmente in carcere a Montacuto, rappresentata dall'avvocato Massimo Rao Camemi. La sentenza per Pinti diventa ora definitiva.
    I giudici si erano presi tre mesi di tempo, dopo l'udienza del 10 settembre scorso, appellandosi all'articolo 615 del codice di procedura penale, secondo cui il giudizio può essere rinviato dopo la discussione "per la molteplicità o per l'importanza delle questioni da decidere". La situazione insomma era troppo complessa.
    Pinti era stato arrestato il 12 giugno 2018 dalla Squadra Mobile di Ancona per lesioni personali gravissime, dopo essere stato denunciato dalla ex fidanzata. ma è stato poi condannato anche per omicidio volontario per la morte della compagna.
    (ANSA).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24