Vaccini: direttore Av5 in Procura Ascoli

Marche
85caecd0348b32ee41d3e1c58c361786

Ordine medici segnalò somministrazioni a soggetti non previsti

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 05 FEB - Il direttore dell'Area vasta 5 di Ascoli Piceno Cesare Milani si è presentato oggi presso la Procura dove è aperta un'inchiesta mod. 45 (atti che non costituiscono notizia di reato) scaturita dalla segnalazione della presidente dell'Ordine dei chirurghi e odontoiatri Fiorella De Angelis riguardanti presunte somministrazione indebite del vaccino anti Covid 19; una vicenda per la quale i carabinieri del Nas nei giorni scorsi hanno acquisito gli elenchi dei vaccinati il 2 e il 3 gennaio scorsi. Un colloquio durante il quale Milani ha tenuto a garantire massima collaborazione alla magistratura, concordando con il procuratore capo Umberto Monti un nuovo incontro nel quale consegnerà gli esiti dell'inchiesta interna all'Area Vasta 5 per la quale è ancora in attesa che giungano alcune relazioni; nell'occasione sarà sentito dalla polizia giudiziaria.
    Nel frattempo è stata ascoltata in Procura la presidente dei medici De Angelis che ha sostanzialmente ribadito i sospetti su alcune somministrazioni del vaccino anti Coronavirus. Secondo quanto trapela, nelle giornate del 2 e 3 gennaio sarebbero state somministrate alcune dosi a soggetti per i quali non era previsto, ma sarebbe accaduto solo per evitare che si deteriorassero e andassero perse. Un problema di organizzazione iniziale che può aver creato qualche difficoltà.
    L'organizzazione nella campagna di vaccinazioni nelle strutture dell'Area vasta 5, molto impegnativa, è stata poi man mano affinata prevedendo oltre un elenco giornaliero di persone da vaccinare, anche liste di riserva così da evitare sprechi e somministrazioni indebite. (ANSA).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24