Poste: sindacati Marche, Covid non sia scusa per chiudere uffici

Marche
7e85e886cb7833494b78edc516e92156

Mancano mezzi e personale. Sì a smart working con regole

(ANSA) - ANCONA, 22 OTT - Dipendenti passati in poco tempo nelle Marche da 5.000 a 3.000, con solo 20 nuove assunzioni a fronte di 250 persone andate in pensione nel 2019. Un centinaio di uffici postali chiusi sui 411 totali, e una dirigenza dislocata a Bologna lontana dai problemi del territorio, che deve occuparsi di cinque regioni. E' un lungo elenco di lamentele quello stilato oggi su Poste Italiane dai responsabili sindacali Marche di Slp-Cisl Dario Dominici, Failp-Cisal Maurizio Giampieri, Slc-Cgil Gloria Baldoni, Uilposte Michele Spettatori e Confsal-comni Pierpaolo Ionna, nel corso di un incontro stampa ad Ancona, in cui hanno chiesto assunzioni e risorse. "La pandemia ha portato alla chiusura del 50% dei nostri uffici - dicono i sindacati - ma non tutti sono stati ripristinati. Il covid sta diventando una scusa per non aprirli più e a patirne le conseguenze negative sono soprattutto le categorie più deboli e gli anziani che per riscuotere la pensione devono fare lunghe file fuori degli uffici". (ANSA).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24