Uno Bianca, Eva Mikula 'io abbandonata e senza protezione'

Marche
c7531e3cad46fd57caf8c38cb4da1cd5

"I criminali stanno finendo di scontare pena, la mia è infinita"

   "Viviamo giorni dove i criminali stanno finendo di scontare le loro pene, ed io? La mia pena è infinita, è a vita; niente protezione, niente anonimato, niente risarcimento. Vivo nel baratro del mio passato, nascondendomi nell'oblio per affrontare e sconfiggere ogni giorno il pregiudizio dell'opinione pubblica, conquistare il mio quotidiano e dare speranza a quella dei miei figli". Lo scrive Eva Mikula, all'epoca compagna di Fabio Savi, il 'lungo' della banda della Uno Bianca e l'unico non poliziotto del gruppo che dal 1987 al '94 terrorizzo' Emilia-Romagna e Marche, uccidendo 24 persone e ferendone 102. La donna romena, che ora vive tra Londra e l'Italia, torna a farsi viva con una lettera aperta, inviata all'ANSA e indirizzata all'allora pm di Rimini Daniele Paci e ai poliziotti Luciano Baglioni e Pietro Costanza. (ANSA).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24