Coronavirus: lezioni canto su Whatsapp per cinesi

Marche
f524062784bedd01ae9671f9baccaa05

Soprano Valeria Esposito, 'allievi si sentono meno soli'

(ANSA) - JESI (ANCONA), 9 MAR - Pianoforte e smartphone sullo spartito. E' la lezione di canto lirico ai tempi del coronavirus, con il soprano napoletano Valeria Esposito che da casa sua, a Jesi, continua a seguire in videochiamata i suoi numerosi allievi cinesi costretti, in varie parti d'Italia, ad un forzato riposo per la chiusura di accademie e conservatori.
    "Oggi sono alla terza lezione con Whatsapp, i ragazzi così si sentono meno soli e possono continuare a fare quello per cui sono giunti in Italia: studiare canto" racconta il soprano.
    All'altro capo del telefono, a intonare "O mio babbino caro" da Gianni Schicchi di Puccini, c'è Lin Wei Guo, vive a Pescara, in Italia ha conseguito due lauree specialistiche in canto e ha frequentato un corso di formazione a Jesi. Esposito ha cominciato a studiare il cinese e dà istruzioni in italiano e in cinese: "feichanghau, feichanghau, legato, legato!". Centinaia gli studenti che da tutto il mondo giungono nella patria del melodramma per perfezionarsi in canto lirico, molti dalla Cina.
   

Ancona: I più letti