Bimbo morto per otite, Unc parte civile

Marche
b03385dd4a3f89458528a0281f021041

Ad Ancona medico a processo. Già condannati genitori piccolo

(ANSA) - ANCONA, 24 SET - Anche l'Unione nazionale consumatori, oltre ai nonni materni e paterni del piccolo Francesco, 7 anni, di Cagli (Pesaro Urbino) morto il 27 maggio 2017 ad Ancona per un'encefalite scaturita da un'otite batterica bilaterale curata solo con presidi omeopatici, sarà parte civile nel processo ad Ancona contro il medico Massimiliano Mecozzi accusato di cooperazione in omicidio colposo.
    L'associazione, ha spiegato il suo legale avv. Corrado Canafoglia, si batte contro le fake news in particolare per la tutela della salute delle persone: "Vogliamo si faccia massima chiarezza su questa tragica vicenda perché episodi del genere non devono più accadere". L'associazione chiede 50mila euro da devolvere alla prevenzione contro le notizie false. All'udienza non era presente l'imputato ma solo il suo legale, avv. Fabio Palazzo. Non si sono per ora costituiti parte civile i genitori del piccino condannati a tre mesi di reclusione per concorso con Mecozzi in omicidio colposo e in attesa del giudizio d'appello.
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24