Doglioni, obiettivo prevedere terremoti

Marche
@ANSA
533f27e8851a16d9c89533b22f832aa8

Necessaria rete sensori per ascoltare segnali premonitori Terra

La possibilità di prevedere un terremoto non è un obiettivo impossibile: un giorno potrebbe essere raggiunto "migliorando la comprensione di alcuni segnali premonitori, come il movimento dei fluidi prima di una forte scossa". Lo ha detto all'ANSA il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) Carlo Doglioni a margine dell'incontro 'Porte aperte all'Ingv', organizzato a due anni dalla sequenza sismica di Amatrice-Visso-Norcia. Gli esperti dell'Ingv hanno raccontato a insegnanti e semplici cittadini, in visita ai laboratori dove vengono simulati i terremoti, che a due anni dalla sequenza sismica del 2016 sono stati circa 95.000 le scosse, e la terra sta ancora tremando.
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.