Il padre di Greta Thunberg: "Lo sciopero da scuola? Non ero d'accordo"

Ambiente

Il genitore ha raccontato, in un'intervista alla Bbc, di essersi adattato per il bene della figlia, che negli anni precedenti alle proteste per il clima soffriva di depressione

Non voleva andare a scuola, non mangiava, era depressa. Il padre dell'attivista per il clima Greta Thunberg, Svante, ha raccontato alla Bbc degli anni difficili passati dalla figlia nei tre-quattro anni precedenti all'inizio degli scioperi del venerdì che l'hanno resa famosa nel mondo. Quelle assenze da scuola su cui il genitore ha ammesso di essersi opposto, inizialmente.

"Lo sciopero da scuola? Non ero d'accordo"

"Aveva smesso di parlare, di andare a scuola...", ha detto il papà, è "il peggior incubo di un genitore vedere un figlio smettere di nutrirsi". Per aiutarla a stare meglio, la famiglia ha modificato il proprio modo di vivere e, successivamente, si è adattata al fatto che la figlia saltasse la scuola per protestare. "Non ero d'accordo. Mi sono adattato per salvare mia figlia", non per il cambiamento climatico, ha detto Svante Thunberg.

"Greta più felice"

Oggi Greta "balla e ride tutto il giorno, ci divertiamo molto", ha aggiunto il padre, dicendo che la figlia è molto più felice da quando è impegnata attivamente per ciò in cui crede. "Comunque mi preoccupa la quantità di messaggi d'odio di riceve da parte di chi non vuole cambiare il proprio modo di vivere - ha detto ancora Svante - così come la diffusione di fake news che vengono fabbricate sul suo conto ora che è diventata famosa". 

Ambiente: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24