Jim Carrey protagonista di Kidding, la nuova comedy targata Showtime

Inserire immagine
@Getty Images

Dopo aver prodotto I'm Dying Up Here (in onda prossimamente su Sky Atlantic), Jim Carrey torna a incantare il pubblico in Kidding, la nuova serie comedy targata Showtime. Con lui anche Michel Gondry per questa produzione che porta con sé grandi aspettative. Continua a leggere e scopri di più

Jim Carrey è tornato e presto lo vedremo come protagonista di Kidding, la nuova serie targata Showtime. Qui Carrey interpreta il ruolo di Jeff, meglio noto come Mr. Pickles, un’icona della tv per bambini che detiene un impero milionario. Tuttavia, quando la sua famiglia inizia a dar segni di cedimento, Jeff non trova favole che lo guidino attraverso la tempesta. Showtime ha già ordinato 10 episodi per la prima stagione.

 

Il progetto riunisce una coppia vincente, Carrey e Michel Gondry che dopo aver diretto Eternal Sunshine of the Spotless Mind (tradotto in italiano con Se mi lasci, ti cancello) torna nella nuova produzione, promettendo grandi risultati.

 

Il presidente e CEO di Showtime David Nevins si dice entusiasta: “Nessuno veste un personaggio come Jim Carrey. Il suo Jeff è come Humpty Dumpty dopo la caduta, a pezzi, e gli spettatori non potranno non chiedersi come sono sopravvissuti finora senza di lui”. Gondry non è da meno, spiega Nevis “Con lui a bordo vivremo un’esperienza vulcanica, magnetica ed emozionante”.

 

Oltre a questi due colossi, Kidding vede la partecipazione di Dave Holstein, già scrittore e produttore di Weeds e I’m Dying Up Here (per il quale Carrey è produttore esecutivo), che ha ideato la serie, scritto l’episodio pilota e svolgerà il ruolo di showrunner. Accanto a lui anche Jason Bateman, Raffi Adlan, Jim Garavente e Michael Aguilar, un altro produttore esecutivo di I’m Dying Up Here.

 

Per Carrey questo è il primo ruolo televisivo come regular, dai tempi di In Living Color, negli anni Novanta e non vediamo l’ora di essere nuovamente trascinati dalla sua simpatia e abilità interpretativa.
 

 

Fonte: Variety

TAG: