Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali visti da Tim Burton

Appuntamento, in prima tv,  lunedì 30 ottobre alle 21.15 su Sky Cinema Uno - Tim Burton crea un mondo di infanzia eterna in un film fantastico e avventuroso, tratto dall’omonimo romanzo e interpretato da Eva Green, Asa Butterfield, Samuel L. Jackson e Judi Dench

La forza immaginativa di Tim Burton, quella che abbiamo amato anni fa grazie a film come Beetlejuice o Edward mani di forbice, non si è ancora esaurita. La prova tangibile è in questo suo ultimo film, Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali, in prima tv , lunedì 30 ottobre alle 21.15 su Sky Cinema Uno. Un film, ispirato al popolare romanzo omonimo di Ransom Riggs e che sembra avere scritto la sua favola proprio pensando a Burton. Il primo libro della trilogia best seller di Riggs sembra infatti sposarsi alla perfezione con il gusto gotico non spaventoso alla famiglia Addams di Burton. Lo stesso Riggs ha detto di essersi ispirato per il suo libro a foto d'epoca in bianco e nero.

Il protagonista del film è Jacob Portman (Asa Butterfield), un adolescente particolarmente legato al nonno Abraham il quale da piccolo gli raccontava di essere vissuto in un orfanotrofio per bambini speciali diretto da Miss Peregrine. Crescendo Jacob comincia a dubitare della veridicità delle storie del nonno per poi ricredersi quando durante una visita all'anziano in punto di morte vede delle strane creature (hollowgast) che solo lui riesce a vedere. Nessuno crede tuttavia al racconto di Jacob e cosi il ragazzo entra in depressione. I genitori lo portano da uno psichiatra il quale suggerisce che per Jacob la miglior cosa e' quella di andare in Galles nel luogo dell'orfanotrofio del nonno. Durante la ricerca, Jacob incontra Emma Bloom (Ella Purnell), è lei che lo conduce all'orfanotrofio di Miss Peregrine ed è qui che fa la conoscenza dei ragazzi speciali e appunto di Miss Peregrine (Eva Green), una Ymbrine con la capacità di trasformarsi in un uccello, in questo caso un falco pellegrino, di qui il suo nome. La donna è anche in grado di creare dei 'protettive loop', ossia delle bolle di sicurezza di 24 ore che ripetono all'infinito il giorno prima che una bomba lanciata dai nazisti distruggesse l'orfanotrofio. I bambini sono cosi al sicuro. Sarà Miss Peregrine a dire a Jacob che anche lui come il nonno ha la capacità di vedere gli hollowgast e anche l'unico in grado di fermarli.

Insomma, come si può evincere dalla trama, ci troviamo ancora una volta, con questo film di fronte al solito ma mai scontato giro di giostra burtoniano. Meraviglioso come sempre, gioia per gli occhi di chi, andando al cinema, non vuol dimenticare il valore intrinseco delle favole.