Morte di Paul Walker, figlia dell'attore raggiunge accordo con Porsche

Meadow Walker sigla un accordo con Porsche sulla morte del padre (Getty Images)
2' di lettura

Meadow Walker ha raggiunto un'intesa con la casa automobilistica tedesca. L'attore di "Fast & Furios" aveva infatti perso la vita a seguito di un incidente avvenuto mentre era a bordo di una Carrera GT

Sono passati quattro anni dalla morte di Paul Walker, avvenuta in un incidente stradale mentre l'attore era a bordo della Porsche Carrera GT guidata da un amico. Sua figlia Meadow, unica beneficiaria del patrimonio paterno, ai tempi fece causa all'azienda automobilistica, azione legale che si è appena conclusa con il raggiungimento di un accordo economico tra le parti. Come riporta E! News, la cifra resta confidenziale, ma la sigla del compromesso è il tassello necessario per dismettere la causa intentata dall'erede di Walker.

La teoria dell'accusa sulla morte di Paul Walker

Secondo quanto riportato da E! News, Porsche e Meadow Walker hanno siglato l'accordo lo scorso 16 ottobre, mettendo la parola fine a una causa iniziata nel 2015. Le accuse mosse dall'erede dell'attore di "Fast & Furious" mettevano al centro la mancanza di dispositivi di sicurezza adeguati a bordo della Porsche Carrera GT su cui si trovava Walker. I legali di Meadow Walker avevano infatti dichiarato che l'azienda sapeva che quella specifica auto aveva "una storia di problemi di instabilità e controllo". Nello specifico, l'azienda non avrebbe "installato il suo sistema di controllo di stabilità, specificatamente progettato per proteggere i cambi di direzione e le brusche sterzate". Una tecnologia che, secondo l'accusa, avrebbe permesso all'attore di sopravvivere all'incidente.

Tutta colpa di "un'auto pericolosa"

Paul Walker ha perso la vita a soli 40 anni, andando a sbattere contro un albero a bordo dell'auto guidata dall'amico Roger Rodas, anche lui morto nell'incidente. Il veicolo ha preso fuoco, ma secondo le indagini la cintura di sicurezza che proteggeva l'attore era difettosa e gli avrebbe impedito di uscire dall'abitacolo. All'inizio dell'azione legale l'avvocato Jeff Milam dichiarò che la "Porsche Carrera GT è un'auto pericolosa e non dovrebbe andare su strada". Dopo l'incidente l'assicurazione di Roger Rodas versò a Meadow Walker oltre 10 milioni di dollari, cifra definita quasi irrisoria dall'avvocato Milam, dato che come star internazionale il padre della ragazza avrebbe "guadagnato molto di più se fosse stato ancora vivo". La causa verso Porsche mirava a ottenere un risarcimento più cospicuo. Cosa che, anche se la cifra resta ignota, sembra essere accaduta.

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24