Fisco: Cgia, nel 2019 a 'quota 100'

Veneto
aaec68eb89a43ac7d88f39b870e8db07

Pesano soprattutto per piccole aziende dedite all'export

(ANSA) - VENEZIA, 27 OTT - Sebbene sia in arrivo la fatturazione elettronica, nel 2019 il numero delle scadenze e adempimenti fiscali è destinato ad aumentare fino a sfiorare quota 100, in particolar modo per le realtà produttive di piccola dimensione che intrattengono scambi commerciali con l'estero.
    Il dato è contenuto in un report dell'Ufficio studi della Cgia di Mestre. Un'impresa artigiana senza dipendenti, ad esempio, lungo i 12 mesi del 2019 dovrà versare all'erario o inviare la propria documentazione fiscale all'Amministrazione finanziaria 29 volte, una in meno rispetto al 2018, ma una impresa commerciale con cinque dipendenti lo dovrà fare 88 volte, e 99 una piccola impresa industriale con 50 dipendenti.
    Anche se in misura quasi impercettibile, tuttavia, i lavoratori autonomi potranno contare su un piccolo alleggerimento: dall'anno prossimo, con l'introduzione della fatturazione elettronica verrà abolito lo spesometro. A regime, pertanto, risparmieranno due adempimenti. (ANSA).
   

Venezia: I più letti