Sicurezza: Gorizia, minor numero delitti in ultimi 10 anni

Friuli Venezia Giulia
0ef8f912c42adea08a7585074ed0b073

I dati presentati da Prefetto e forze dell'ordine

(ANSA) - TRIESTE, 09 FEB - Nel 2020 i delitti consumati nella provincia di Gorizia sono stati complessivamente 3.801 con una diminuzione di 136 unità (pari al 3,5%) rispetto all'anno precedente. Si tratta del numero più basso degli ultimi dieci anni. Il picco era stato raggiunto nel 2012 con 4.931 delitti.
    Lo ha reso noto stamani, in conferenza stampa, il Prefetto Massimo Marchesiello, tracciando il bilancio dell'attività annuale delle forze dell'ordine isontine, da cui era affiancato.
    Nel dettaglio dei reati, quelli contro la persona sono stati 398 (-6,1%), quelli contro l'incolumità pubblica sono stati 377 (-8,3%), e quelli contro il patrimonio 1.817 (-15,3%). Gli altri reati sono stati complessivamente 1.209 (+26,2%).
    Andando ancora di più nello specifico, ci sono state 208 lesioni dolose e percosse (-13,3%), 164 minacce e ingiurie (+2,5%), 4 incendi, (-50%), 371 danneggiamenti (-7,75), 886 furti (-34,2%, il picco era stato registrato nel 2013 con ben 2.235 episodi criminosi specifici), e 849 truffe e frodi informatiche (+15,8%, nel 2010 erano solo 169). I reati inerenti le sostanze stupefacenti sono stati 84, in media con l'ultimo decennio, salvo il 2014, che ne aveva registrati soltanto 30.
    Per quanto concerne il rispetto della normativa anti-Covid, sono state controllate complessamente 159.749 persone, con 1.322 sanzioni per inosservanza delle disposizione di contenimento della pandemia. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 32.820 con con 15 chiusure provvisorie. (ANSA).
   

Trieste: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24