Valdastico: Comuni Trentino bocciano collegamento con Veneto

Trentino Alto Adige
75f16c310c030ccb64aad89e698a1179

Per impatto ambientale e carenza informazioni sull'opera

(ANSA) - TRENTO, 10 DIC - I Comuni di Pomarolo, Pergine Valsugana, Isera, Alta Valsugana e Bersntol, Altopiano della Vigolana, Castelnuovo, Trento, Nomi, Besenello, Calliano, Rovereto, Vallarsa, Caldonazzo, Lavis, Volano e delle Comunità di Valle Alta Valsugana e Bersntol e Vallagarina - in modi e toni diversi ma sempre con supporto tecnico - bocciano il prolungamento dell'autostrada Valdastico in Trentino. Grazie ad una interrogazione il Movimento 5 Stelle, con il consigliere Alex Marini, ha ottenuto le osservazioni ed i contributi di Comuni e Comunità riguardo alla deliberazione della Giunta provinciale n. 1058 del 25 giugno 2021, quella che - ricorda Marini - "nelle intenzioni di Fugatti & Co dovrebbe portare allo sbarco delle autostrade venete in Trentino".
    Il Comune di Pomarolo - ad esempio - conferma "la propria opposizione a qualunque strategia pianificatoria che preveda la progettazione e realizzazione di nuove strade ad alto scorrimento su gomma, tanto più quindi al prolungamento verso nord della A31 della Valdastico e al suo collegamento alla A22 del Brennero, qualsiasi sia il punto dell'innesto, poiché esso costituirebbe una grave minaccia alla salute delle popolazioni e contraddirebbe la scelta fondamentale di ridurre il traffico sull'autostrada e trasferirlo il più possibile sulla ferrovia".
    La Comunità della Vigolana invita la Provincia a "prendere definitivamente atto delle insuperabili problematicità del percorso attraverso la Valle del Centa e i Laghi di Caldonazzo e Levico quale ipotesi di collegamento ad est, elidendo ed eliminando dal Pup e dalla variante al Pup tale opzione".
    Isera esprime attraverso il consiglio comunale "la piena contrarietà alla pianificazione dell'intervento oggetto della Variante al Pup relativa al Corridoio di accesso Est, sulla scorta: di numerose criticità e contraddizioni rilevate, l'accertata non coerenza con gli strumenti programmatici sovraordinati, l'evidente carenza sistematica degli obiettivi generali ed operativi prospettati e la tipologia relativa al modello di mobilità proposto". Secondo Pergine la proposta è "indecidibile". (ANSA).
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24