Merce sequestrata donata a parrocchia di Levico

Trentino Alto Adige
@ANSA
4b744b983f5ad9b43c9b97cb1f9a2fc5

Ai più bisognosi i beni oggetto di una truffa informatica

(ANSA) - TRENTO, 31 DIC - I carabinieri della compagnia di Borgo Valsugana hanno donato al parroco della chiesa ss.
    Redentore di Levico Terme la merce oggetto di una truffa informatica per essere devoluta alle persone bisognose.
    Tutto è partito un anno fa con l'indagine "FreePay" condotta dai carabinieri di Levico, e diretta dalla Procura dei minori di Trento, che ha permesso di interrompere acquisti di commercio elettronico fatti con carte di credito clonate, con il coinvolgimento tra le vittime anche di diverse banche. I carabinieri hanno sequestrato alcuni capi firmati, orologi di pregio, accessori wireless per cellulari ed un iPhone, di ultima generazione, per un valore di alcune migliaia di euro. La legge consente che la confisca dei beni porti all'acquisizione del bene a favore della forza di polizia operante, ma per spirito di servizio e solidarietà i carabinieri hanno chiesto al presidente del Tribunale dei minori di Trento di donare tutti il materiale confiscato alla parrocchia del SS. Redentore di Levico Terme.
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.