Licenziamento ritorsivo, condannata azienda in Valsugana

Trentino Alto Adige
a4e5760f8de51daa4b8e21ca73e4ed01

Lavoratore 'punito' per testimonianza a favore di una collega

(ANSA) - TRENTO, 27 NOV - Licenziamento illecito e ritorsivo.
    È questa la sentenza emessa dal giudice del Lavoro del Tribunale di Trento, Giorgio Flaim, che ha condannato un'azienda della Valsugana che opera nel comparto legno per avere licenziato un proprio dipendente, "punito" per aver testimoniato in favore di una collega in un processo fra l'impresa e la donna. Accogliendo la tesi del lavoratore, difeso dall'avvocato Giovanni Guarini e sostenuto dalla Fillea Cgil del Trentino, il giudice ha ritenuto che l'unico motivo del licenziamento sia stata la volontà di rappresaglia dell'azienda nei confronti di un lavoratore che si era permesso di testimoniare il vero in giudizio, tanto che la sua collega ha vinto la causa contro il datore di lavoro.
   

Trento: I più letti