Britannia, tutti i video

Video


Britannia: lo scontro di civiltà tra Celti e Romani

Un dramma storico “in salsa punk” in cui si fondono fantasy, epica e anche un po’ di humour. Rigorosamente celtico s’intende...

È questo il segreto del successo di “Britannia”, la serie televisiva co-prodotta da Sky e Amazon e creata da Jeremy "Jez" Butterworth, già sceneggiatore di pellicole come “Spectre” e “Edge of tomorrow”.

Impreziosita dalla sigla “Hurdy Gurdy Man”, classico inciso nel 1968 dal cantautore scozzese Donovan, “Britannia” può contare anche su un cast nutrito ed affiatato. Tra i protagonisti della serie ci sono David Morrissey (Aulo Plautio), Kelly Reilly (Kerra), Zoë Wanamaker (Antedia), Stanley Weber (Lindon) e Nikolaj Lie Kaas (Divis). La regia è invece affidata a Metin Huseyin.

 

L’altra faccia della storia

Kolossal, serie tv e romanzi hanno celebrato le conquiste del glorioso Impero Romano, ma in pochi si sono soffermati sulle vicende di quei popoli che, fieri ed indomiti, non si sono lasciati soggiogare dalla spada dei condottieri romani.

 

Tra questi c’erano gli abitanti della Britannia, terra nordica e misteriosa che i romani tentarono più volte di conquistare. Siamo nel 43 D.C, e il generale Aulo Plauzio torna in quelle stesse terre dalle quali anni prima l’esercito di Giulio Cesare era fuggito. Deciso a conquistare la regione, il condottiero si troverà a fare i conti con un oscuro mondo dominato da druidi e audaci regine guerriere, pronti a tutti pur di scacciare gli invasori.

 

I precedenti storici sono tuttavia solo un pretesto di cui il creatore Jez Butterworth di “Britannia” si serve per raccontare uno scontro tra due civiltà agli antipodi. Da un lato i romani, pragmatici e letali, dall’altro i britannici, molto diversi tra loro ma uniti da una forte spiritualità. Nonostante le innegabili differenze, proprio in nome della loro origine comune, Cantii, Celti e Druidi decideranno di mettere da parte le antiche rivalità per unirsi contro un popolo convinto della propria superiorità morale e bellica.

 

Nel mondo dei Britanni

Non solo sangue, riti magici e appassionanti storie d’amore, ma anche una vera e propria full immersion nel mondo delle tribù britanniche. Cantii, Celti e Druidi vengono raccontati nel loro contesto originale, alle prese con riti magici, cerimonie d’iniziazione e millenarie tradizioni. Una vera e propria riscoperta delle origini del popolo britannico, fiero ed indomito come i “Vikings” di Michael Hirst e sanguinolento come i sovrani di “Game of Thrones”.

 

Ruolo centrale nella serie tv “Britannia” viene poi concesso alle donne, principesse intrepide e coraggiose che maneggiano le armi con la stessa abilità degli uomini. Arco alla mano e rossa chioma fluente, la principessa Kerra combatte per la sua indipendenza e quella del suo popolo. Femministe ante litteram sono anche Antedia, Regina della tribù dei Regnensi, e Amena, principessa dei Druidi: personaggi molto diversi, quasi antitetici, ma di fronte ai quali non si può restare indifferenti.

 

La prima stagione di “Britannia”, composta da 9 episodi, è andata in onda su Sky nel 2018. “Britannia 2” arriverà invece nel prossimo autunno.

 

Leggi tutto