Aterballetto presenta il trittico Dreamers: cloud/materia, Traces e Secus

Inserire immagine

Il trittico Dreamers (cloud|materia, Traces e Secus) offre un'occasione unica per ammirare la compagnia attraverso sfumature in contrasto e il lavoro di tre diversi coreografi: sabato 11 gennaio , ore 20.30, al Teatro Valli di Reggio Emilia

Aterballetto danza al Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia, sabato 11 gennaio, alle ore 20.30, il nuovo trittico Dreamers, composto da cloud|materia di Philippe Kratz, Traces di Rihoko Sato e Secus di Ohad Naharin. Un’occasione unica per ammirare la compagnia attraverso sfumature in contrasto: dall’approccio fisico e razionale di Philippe Kratz, coreografo e danzatore di Aterballetto, allo stile sofisticato e leggero della giapponese Rihoko Sato, musa e interprete preferita di Saburo Teshigawara, fino al vigoroso rituale di Ohad Naharin, coreografo della Batsheva Dance Company. Philippe Kratz, per cloud | materia si ispira alle idee di Anni Albers, esponente di rilievo del movimento Bauhaus.

Rihoko Sato, già acclamata a livello internazionale quale interprete principale nelle creazioni di Saburo Teshigawara, “Best Dancer Award” per il suo duetto con Vaclav Kunes in Scream and Whisper, Premio Japan Dance Forum 2007, Premio Positano "Leonide Massine" per la Danza 2012, comincia proprio con Aterballetto il suo percorso da coreografa. Chiude la serata Secus, creazione audace e stravagante di Ohad Naharin, uno dei maestri della coreografia contemporanea, caratterizzata da un alfabeto umano fatto di corse, assoli, gesti tersi e puliti, duetti interrotti, espressione di emozioni e sentimenti puri, senza essere sentimentale. Dreamers è il frutto di una coproduzione internazionale, che si associa a Festival Oriente Occidente di Rovereto, Les Halles de Schaerbeek di Bruxelles, Malraux scène nationale di Chambéry Savoie in Francia e, per la creazione cloud|materia di Philippe Kratz, Bayer Culture Engagement di Leverkusen.