E' morto Carl Reiner, il Saul di Ocean's Eleven: aveva 98 anni

Cinema

Giuseppe Pastore

Famoso per aver interpretato uno degli "uomini" di George Clooney nella trilogia di Soderbergh, è stato un grande attore, sceneggiatore e produttore comico. Ne ha dato notizia suo figlio Rob

È scomparso a 98 anni Carl Reiner, uno dei pesi massimi della storia della comicità americana. Attore, regista, sceneggiatore, produttore, amico e collaboratore di Mel Brooks, Steve Martin e altri grandi comedian della scena statunitense degli ultimi settant’anni.

Reiner è morto nella notte tra lunedì e martedì nella sua casa di Beverly Hills. Le ultime generazioni lo ricorderanno soprattutto nel ruolo del truffatore Saul Bloom, uno degli “uomini” di George Clooney/Danny Ocean nella trilogia diretta da Steven Soderbergh tra il 2001 e il 2007; ma Reiner è stato molto di più. Per esempio, un artista da decine di apparizioni per il cinema e la tv, che poteva vantare ben nove Emmy Awards, oltre la metà dei quali vinti per The Dick Van Dyke Show, serie comica di grande successo negli anni Sessanta di cui era stato l’ideatore.

Una battuta leggendaria

 

Carl Reiner era anche il marito della cantante Estelle Lebold Reiner: un nome che forse vi dirà poco, prima di sentirla associata a una delle battute più famose della storia del cinema. Estelle Reiner è infatti la donna al ristorante che si volta verso il cameriere e ordina “Quello che ha preso la signorina” (in originale, “I’ll have what she’s having”), una delle battute più famose della storia del cinema, pochi istanti dopo la celeberrima scena del finto orgasmo di Meg Ryan davanti a un imbarazzatissimo Billy Crystal. Il film è Harry ti presento Sally, per la regia di Rob Reiner, figlio di Carl: è stato lui, questa mattina, a comunicare su Twitter la notizia della morte di suo padre.

Carl Reiner insieme a Andy Garcia in una scena di Ocean's Eleven
Warner Bros

Spettacolo: Per te