Un sogno chiamato Florida, crescere nonostante tutto

Sabato 20 aprile alle 21.15 su Sky Cinema Due va in onda il film che è valso la candidatura all’Oscar a Willem Dafoe, incentrato sulle lunghe giornate di una bambina cresciuta in un motel.

Si può vivere letteralmente a due passi da un sogno, in questo caso chiamato Walt Disney World, ma ritrovarsi comunque sospesi in una sorta di incubo. È il destino di Moonee (Brooklynn Prince), bimba di sei anni protagonista di Un sogno chiamato Florida, film di Sean Baker in onda in prima visione tv sabato 20 aprile alle 21.15 su Sky Cinema Due (canale 302).


L’incubo in questione è un’infanzia sbandata trascorsa assieme alla scombinata madre Halley (Bria Vinaite) all’interno del Magic Castle, un motel da due soldi costruito a pochi passi dal celebre parco dei divertimenti citato poc’anzi.


Ma nel corso di una lunga estate di nullafacenza, la bambina riesce comunque a ritagliarsi dei momenti felici in compagnia dei suoi amici. Lasciati “allo stato brado”, i piccoli combinano scherzi agli avventori o elemosinano gelati ai turisti, e quando è richiesto il suo intervento la madre Halley reagisce con strafottenza, in barba ai propri doveri genitoriali.


L’unico a tenere d’occhio la situazione, seppure scocciato dalle continue malefatte dei bambini e dalla noncuranza di Halley, è Bobby (Willem Dafoe), burbero ma tutto sommato comprensivo responsabile del motel, che cerca di arginare l’esuberanza dei ragazzini allo sbando.


Un sogno chiamato Florida
, allo stesso tempo tenero e crudo nei toni, offre uno spaccato originale sul degrado “a due passi dal sogno”. Eccezionale tutto il cast, compresa l’esordiente Brooklynn Prince, ma il vero fuoriclasse è ovviamente Willem Dafoe, che per questa sua interpretazione si è guadagnato le nomination come Miglior attore non protagonista agli Oscar e ai Golden Globe.