Una donna fantastica, il diritto di essere se stessi

Una donna fantastica
Daniela Vega in Una donna fantastica

Domenica 24 febbraio alle 21 va in onda su Sky Cinema Oscar la pellicola cilena premiata come Miglior film straniero agli Academy Awards 2018, incentrata su una ragazza trans bersaglio dei pregiudizi della famiglia del suo fidanzato morto all’improvviso.

Gli Academy Awards 2019 si avvicinano e nel frattempo è già possibile prepararsi all’atmosfera con Sky Cinema Oscar, il canale interamente dedicato alle pellicole protagoniste delle passate edizioni. Domenica 24 febbraio alle 21 è la volta della prima visione tv di Una donna fantastica.


Diretto dal cileno Sebastián Lelio, già regista dell’apprezzato Gloria, di cui a breve realizzerà un remake americano con Julianne Moore e John Turturro, e prodotto da Pablo Larraín (regista di Neruda e Jackie), Una donna fantastica è stato premiato agli Oscar 2018 come Miglior film straniero e ha ottenuto l’Orso d’argento per la miglior sceneggiatura al Festival di Berlino.


Protagonista assoluta del film è la bravissima attrice cilena Daniela Vega, tra l’altro prima donna transessuale a fare da presentatrice agli Academy Awards. Lei è Marina, una giovane cameriera che sogna di diventare cantante e ha una relazione con Orlando, un uomo di 20 anni più vecchio di lei.

Una sera Orlando ha un malore e viene accompagnato da Marina in pronto soccorso, dove muore. Subito la famiglia di lui sospetta un coinvolgimento della ragazza nella sua morte e fa di tutto per renderle la vita difficile. In realtà, ad alimentare l’astio nei suoi confronti è il fatto che Marina è transessuale.


Film coraggioso sui diritti negati dei transessuali, Una donna fantastica è stato acclamato dalla critica internazionale e ha conquistato il pubblico per la sincerità con cui racconta le difficoltà di donne e uomini come Marina e come la stessa Daniela Vega.