Crazy Family Week: tutte le declinazioni della famiglia

Inserire immagine
American Pastoral è uno dei tantissimi film dedicati a famiglie sui generis su Sky Cinema Cult per il ciclo Crazy Family Week

Dal 9 al 15 aprile Sky Cinema Cult dedica una settimana intera, 24 ore su 24, a una selezione di oltre 30 film che hanno meglio raccontato i burrascosi o quantomeno bizzarri rapporti di famiglia. Da La storia di Jack e Rose a East is East fino a Tutto su mia madre , ecco i titoli imperdibili

Sky Cinema Cult apre le porte alle famiglie più sui generis dello schermo: dal 9 al 15 aprile dedica una settimana intera, 24 ore su 24, a una selezione di oltre 30 film che hanno meglio raccontato le stranezze di famiglia.

Tante le pellicole che hanno descritto il rapporto conflittuale con i genitori. Dai toni drammatici, La Famiglia Fang in cui i fratelli Jason Bateman (qui anche alla regia) e Nicole Kidman cercano la verità sulla scomparsa dei genitori, due attori famosi per le loro performance. Vi è poi Wall Street - Il denaro non dorme mai dove Oliver Stone torna tra gli squali della finanza e si sofferma sul rapporto difficile tra Gekko - Michael Douglas e sua figlia Carey Mulligan.

In Captain Fantastic, film premiato a Cannes per la Miglior regia, Viggo Mortensen è invece un padre ribelle che ha scelto di crescere i figli nella foresta, ma è poi costretto a fare i conti con la società dei consumi. La canzone della vita – Danny Collins vede protagonista Al Pacino, un anziano cantante che dopo aver ricevuto una lettera che John Lennon gli scrisse nel 1971, decide di riallacciare i rapporti con il figlio.

Imperdibile è anche La storia di Jack e Rose dove Daniel Day-Lewis vive con la figlia in isolamento e il loro equilibrio è messo in crisi dall’arrivo di una donna sull’isola in cui vivono. Non mancano inoltre film dal tono più scanzonato come la commedia ambientata nel melting pot londinese East is East in cui un ragazzo pakistano s’innamora di una ragazza inglese nonostante l’opposizione del padre o il road movie Nebraska in cui Will Forte intraprende un viaggio dal Montana per accompagnare il padre Bruce Dern (Miglior attore a Cannes), un anziano scorbutico convinto di aver vinto un milione di dollari da ritirare in Nebraska.

Davvero divertente ma al contempo commuovente è poi l’opera prima di Gianni Di Gregorio, premiata al Festival di Venezia, Pranzo di Ferragosto in cui il cinquantenne Gianni è costretto a passare il Ferragosto con la madre e un trio di capricciose vecchiette ma creerà un gruppo davvero coeso.

Vi è poi la tragicomica commedia sul conflitto mediorientale Il mio nuovo strano fidanzato che vede una ragazza ebrea di Madrid in conflitto con gli stravaganti genitori quando presenta loro il fidanzato palestinese.

Non mancano i legami indissolubili e a volte ostili tra fratelli: lo struggente film premiato con 6 David di Donatello Indivisibili, storia di due gemelle siamesi, sfruttate dai genitori come cantanti, che sognano di potersi dividere; anche The Fighter in cui Christian Bale (Oscar® come Miglior attore non protagonista) è un ex promessa del ring e vuole allenare il talentuoso fratello Mark Wahlberg a combattere per il titolo, a costo di dover superare i pesanti contrasti familiari; oppure il noir di Woody Allen Sogni e Delitti dove i fratelli Colin Farrell e Ewan McGregor, per risollevare le loro finanze, chiedono un prestito al ricco zio Howard che però chiede in cambio un “favore” imprevisto; l’intenso Fratelli e sorelle, dove Pupi Avati esplora con sensibilità gli scottanti problemi di coppia e la solidarietà tra sorelle; in The Boondock Saints 2 - Il giorno di Ognissanti i fratelli MacManus tingono di sangue le strade di Boston per vendicare un prete ucciso dalla mafia; e infine Il matrimonio di mia sorella in cui Nicole Kidman, scrittrice di successo, raggiunge la sorella Jennifer Jason Leigh in procinto di sposare un artista disoccupato e, con la sua personalità dirompente, mette scompiglio nella coppia.

Ancora, una lunga serie di famiglie non convenzionali: quella protagonista della commedia premiata a Berlino Rara - Una strana famiglia in cui un’adolescente, cresciuta con la madre omosessuale, fa i conti con i pregiudizi sociali; quella del family-drama con Naomi Watts e Susan Sarandon 3 Generations - Una famiglia quasi perfetta in cui Elle Fanning è una sedicenne che vuole cambiare sesso e scuote l’equilibrio familiare; infine il film premiato con l’Orso d’oro Sister in cui Léa Seydoux è una ragazza sbandata che sopravvive grazie ai furti del fratello dodicenne, finché un colpo di scena ribalta ogni prospettiva.

Non poteva mancare all’appello il capolavoro pluripremiato di Pedro Almodóvar Tutto su mia madre in cui una donna si reca a Barcellona sulle tracce del padre del figlio appena morto e scopre che l’uomo è diventato un travestito di nome Lola; infine l’ironica commedia con Ethan Hawke e Julianne Moore Il piano di Maggie – A cosa servono gli uomini, in cui la trentenne Greta Gerwig decide che è giunta l’ora di avere un bambino, anche senza un compagno.

E, se la coppia è la base di una famiglia, non possono mancare le pellicole che parlano di dissapori coniugali: Barriere vede Denzel Washington (qui anche alla regia) nei panni di un uomo frustrato, rigido con il figlio e ingiusto con la moglie Viola Davis, vincitrice dell’Oscar® e del Golden Globe; la commedia corale diretta da Cristina Comencini Matrimoni che racconta la vita di una madre di famiglia viene messa in crisi dall’incontro con un ex innamorato; Tutte le donne della mia vita dove Luca Zingaretti, in fin di vita in una camera iperbarica, ripensa al suo passato e alle sue donne, tra cui la madre di suo figlio.

Si sa che le famiglie numerose possono essere un vero e proprio covo di parenti serpenti, come nei seguenti film che non mancheranno all’appello: la commedia I Tenenbaum con il tocco originale del regista Wes Anderson e un super cast che comprende Gene Hackman, Ben Stiller e Gwyneth Paltrow; È solo la fine del mondo, Gran Premio della Giuria a Cannes al regista Xavier Dolan per la storia di uno scrittore che torna dalla sua famiglia per comunicare di essere gravemente malato ma verrà messo in crisi dalla madre e dai fratelli; l’agrodolce The Hollars, diretto e interpretato da John Krasinski, in cui un aspirante artista lascia New York per accudire la madre malata, trovandosi costretto a fare i conti con la sua bizzarra famiglia; il burrascoso noir con Mark Wahlberg, Joaquin Phoenix e Charlize Theron, The Yards, dove un ragazzo appena uscito di galera vorrebbe abbandonare la malavita ma a causa dello zio viene presto coinvolto in un brutto affare; il dramma diretto e interpretato da Billy Bob Thornton Jayne Mansfield's Car - L'ultimo desiderio che racconta la riunione di una famiglia inglese e una americana per un funerale, durante il quale esploderanno rivalità e dissapori; e infine i conflitti di una donna, una Valeria Golino vincitrice della Coppa Volpi, prigioniera di una famiglia e una società che la dà per scontata in Per amor vostro.

Chiudono le tragedie familiari raccontate in due film tratti da opere letterarie: la rivisitazione in chiave odierna della tragedia shakespeariana Hamlet 2000, dove Ethan Hawke è il giovane Amleto che intende vendicarsi della madre adultera e dello zio per la morte del padre, e American Pastoral, l'opera prima di Ewan McGregor basata sul romanzo Pastorale Americana di Philip Roth.