Fratelli Noir, la web-serie siciliana nata dal lockdown

Spettacolo

Diletta Giuffrida

Ambientata ai nostri giorni ma con un sapore anni 50, “Fratelli Noir” punta al grande schermo ed è già in concorso al “Vegas Film Festival 2020”, al “Montreal Independent Film Festival” e al “Miami Independent Film Festival”. Protagonisti della web-serie due performer catanesi con la passione per il teatro che nei panni di improbabili investigatori privati affronteranno i casi più strani e strampalati. L’episodio zero è già disponibile su YouTube.

Uno spazio di svago facilmente accessibile per strappare qualche sorriso, in tempi bui. D’altra parte ce lo spiega lo stesso regista e autore, Daniele Gangemi: “ll cinema deve essere terapeutico”. E di questi tempi, davanti a restrizioni e chiusure, la terapia si chiama anche web.  

UN’IDEA FIGLIA DEL LOCKDOWN

Nasce con questo spirito terapeutico “Fratelli Noir”, una serie ambientata ai nostri giorni ma con un sapore anni ’50 che è un noir ma che è soprattutto commedia. Uno staff di 35 persone, dieci attori per dieci episodi di circa 8 minuti ciascuno, di cui la puntata zero, già on line, ha l’ambizione di mostrare il potenziale di una serie che il regista, in futuro, vorrebbe trasformare in un film. L’idea nasce nel pieno del primo lockdown, quando la velocità di fruizione di contenuti su internet supera quasi la quantità e si avverte il bisogno di riempire uno spazio ormai dilatato, possibilmente con qualche sorriso.  

GEMELLI DIVERSI

Ci pensano Renny e Francy, alias Renny Zapato e François Turrisi, gli improbabili titolari della “Fratelli Noir Investigation” che più che detective sembrano la caricatura di Stanlio e Ollio. Sullo sfondo di una caotica e affascinante Catania, ai due fratelli dalle dubbie doti investigative arriveranno i casi più strampalati e insoliti da risolvere. Un noir comico insomma con l’aspirazione di attrarre spettatori di tutte le età, grazie anche alla partecipazione di un personaggio noto al grande pubblico per ogni puntata, a cominciare da Mario Venuti e Claudio Gregori, ovvero Greg.  

LA CITTà SULLO SFONDO

Renny e Francy ma anche Catania, la terza protagonista della serie. “Volevamo raccontare anche la nostra città – ci spiega il regista – mostrare le sue diverse sfaccettature, soprattutto emanciparla dagli stereotipi, renderla in qualche modo internazionale”. E infatti la città etnea si racconta in ogni inquadratura: dai vicoletti del centro, ai silos di metallo dipinti dai writer che si stagliano sul porto, dalle polpette di carne di cavallo all’architettura barocca dei palazzi antichi color nero lava. La serie web in realtà in qualche modo è già diventata internazionale avendo suscitato l’interesse di diversi festival d’oltreoceano. “Fratelli Noir” è già in concorso al “Vegas Film Festival 2020”, al “Montreal Independent Film Festival” e al “Miami Independent Film Festival”.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24