J.K Rowling, è polemica su Twitter per alcune affermazioni anti-trans

Spettacolo

La scrittrice di Harry Potter al centro della polemica per alcuni tweet giudicati transfobici. Glaad: "È allineata a un'ideologia che distorce volontariamente i fatti sull'identità di genere"

L’autrice di Harry Potter J.K. Rowling finisce al centro di una polemica sulle persone transessuali per una serie di tweet che sono stati definiti transfobici. Come ha ricostruito Variety, tutto è cominciato da un commento della scrittrice a un articolo pubblicato su Devex in cui si proponeva di “creare un mondo post-COVID-19 più equo per le persone che hanno le mestruazioni”. “Persone che hanno le mestruazioni”, è una locuzione scelta per superare il concetto di donna legato esclusivamente alla sfera biologica, nel rispetto della fluidità di genere. Ma l'espressione non è piaciuta a J.K. Rowling.

Il tweet che ha scatenato la polemica

approfondimento

Harry Potter at Home: sette star rileggono La Pietra Filosofale

“’Le persone che hanno le mestruazioni’ – ha commentato su Twitter J.K. Rowling – Sono sicura che c’era una parola per quelle persone. Qualcuno mi aiuti”. La scrittrice ha criticato l’idea che il sesso biologico di una persona non basti a definire la sua identità sessuale. Una posizione ritenuta da molti anti-trans e transfobica.

Le risposte della scrittrice a chi l'ha attaccata

approfondimento

Harry Potter oggi: che fine hanno fatto gli attori del cast

La scrittrice ha continuato a rispondere alle polemiche su Twitter ribadendo la sua posizione: "Se il sesso non è reale, non c'è attrazione per lo stesso sesso – ha scritto Rowling - Se il sesso non è reale, la realtà vissuta delle donne a livello globale viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di sesso rimuove la capacità di molti di discutere in modo significativo delle proprie vite. Non è odio dire la verità ". Poi l'autrice si è difesa dalle accuse di odio verso le persone trans: "L'idea che donne come me, che sono state empatiche nei confronti delle persone per decenni, che sono vicine alle altre realtà vulnerabili allo stesso modo delle donne - vale a dire, alla violenza maschile – possano "odiare" le persone trans perché pensano che il sesso sia reale è un'assurdità". Poi ancora in un altro post: “La mia vita è stata plasmata dall'essere femmina. Non credo sia odioso dirlo”.

Glaad accusa Rowling: "Non ci sono scuse per colpire le persone trans"

Anche l'organizzazione per i diritti Lgbtq+ Glaad ha risposto ai commenti della scrittrice, accusandola di essersi allineata a un'ideologia che "distorce volontariamente i fatti sull'identità di genere e le persone che sono trans. Nel 2020 non ci sono scuse per colpire le persone trans". Anthony Ramos, il presidente di Glaad, ha poi spiegato: “J.K. Rowling, i cui libri hanno dato ai bambini la speranza di poter lavorare insieme per creare un mondo migliore, si è ora allineata con un'ideologia anti-scienza che nega l'umanità di base delle persone transgender. Gli uomini trans, le donne trans e le persone non binarie non sono una minaccia, e dire il contrario significa metterli a rischio. È il momento per tutti coloro che conoscono e supportano le persone trans di parlare e sostenere il loro diritto fondamentale di essere trattati in modo equo”.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24