Coronavirus, in Campania 3.887 casi. Regione consegna 500mila mascherine a farmacie

Campania

I decessi sono 286, i guariti 483. Dall'inizio della settimana prossima, intanto, le protezioni saranno distribuite a tutte le 1.800 aziende sanitarie regionali e poi ai medici di base e alle famiglie campane prima di renderne obbligatorio l'uso per tutti

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania 

Su 1.762 tamponi esaminati ieri in Campania, 80 sono risultati positivi, portando il totale dei contagiati a quota 3.887, mentre 286 sono i decessi e 483 i guariti. In totale sono 41.296 i tamponi eseguiti. Sono i dati resi noti dall'Unità di Crisi della Regione Campania. Nel frattempo lutto a Terzigno dove è deceduta la scorsa notte Maria Rosaria Esposito, ostetrica originaria di Torre Annunziata. Comincia intanto da oggi la distribuzione alle farmacie della regione delle prime 500mila mascherine acquistate dalla Regione Campania. Questo primo blocco, come da protocollo con Federfarma e Assofarma, sarà distribuito prioritariamente alle fasce deboli partendo dall'esenzione ticket, alle persone anziane, e a quelle che hanno terminato la quarantena. Dall'inizio della settimana prossima, poi, le mascherine saranno distribuite a tutte le 1.800 farmacie della Campania e, progressivamente, ai medici di famiglia, e quindi alle famiglie campane prima di renderne obbligatorio l'uso per tutti, all'esterno delle abitazioni, in vista dell'imminente Fase 2. La Regione, che ne acquisterà 3 milioni, ha già avuto la disponibilità da Poste Italiane alla consegna diretta delle mascherine nelle prossime settimane. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI).

19:26 - Nocera, nessun altro caso positivo in ospedale

"Non ci sono altri casi positivi per Covid-19 tra il personale sanitario e i pazienti". A precisarlo in una nota è la direzione sanitaria dell'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore (Salerno) dove nei giorni scorsi si sono registrati dei contagi tra gli operatori sanitari e i pazienti. "È stato attivato tutto quanto previsto dai protocolli, nonché la gestione dei contatti stretti", garantisce la direzione sanitaria che ha spiegato anche che il trasferimento dei pazienti di Chirurgia d'Urgenza, "è nato dalla necessità di contenere il focolaio attraverso la sanificazione degli ambienti del reparto stesso, nonché per l'assenza di alcuni operatori risultati positivi". I pazienti chirurgici, al momento, sono ancora ricoverati all'Umberto I, in attesa del terzo tampone dopo che i primi due hanno dato esito negativo. Successivamente saranno trasferiti all'ospedale di Sarno dove sarà spostata anche il reparto di Ortopedia e Traumatologia. "La decisione di trasferire i pazienti e parte del personale medico è dipesa dalla scelta di completare la sorveglianza sanitaria dei contatti stretti, nonché l'indagine epidemiologica, precisando che nell'unità operativa di Ortopedia e Traumatologia non c'è mai stato focolaio di Covid-19 né tra i pazienti né tra gli operatori sanitari". 

19:25 - Pozzuoli, positivi altri 3 dipendenti dell'ospedale

Altri tre dipendenti dell'ospedale civile di Pozzuoli sono risultati positivi al Covid 19, tra i 185 tamponi lavorati oggi. Il totale dei contagiati, nel focolaio epidemiologico scoppiato al Santa Maria delle Grazie di località La Schiana nel periodo pasquale, sale così a 31 persone. Oggi sono stati prelevati altri tamponi, un centinaio, il dato non è stato ufficializzato, che porterebbe ad oltre 500 gli esami eseguiti fin qui tra i dipendenti, i pazienti ed i loro familiari a rischio contagio per contatti diretti o indiretti. Nella giornata di domani i responsabili del nosocomio flegreo puntano a completare tutti gli esami dei tamponi eseguiti per avere un quadro completo della criticità che ha portato alla chiusura di reparti, al trasferimento dei pazienti di oncologia e al funzionamento del Pronto Soccorso solo con trasporto privato dei pazienti. Rimane, infatti, sospeso il trasferimento a Pozzuoli di pazienti con i mezzi del 118. Intanto, procede la sanificazione della struttura. L'evolversi della situazione al Santa Maria delle Grazie viene seguita con la massima attenzione dai sindaci dei quattro comuni flegrei che oggi nel corso di un vertice hanno voluto aggiornarsi sulle procedure e sui tempi della sanificazione.

19:16 - Ischia, polizia consegna pc a studenti 

Gli agenti del commissariato di Polizia di Ischia hanno consegnato in questi giorni alcuni computer agli studenti dell'istituto Mattei di Casamicciola, per i programmi di didattica a distanza. I pc, concessi agli alunni in comodato d'uso, sono stati consegnati dal preside della scuola agli agenti (coordinati dalla dottoressa Ferrara) e recapitati in varie zone dell'isola nell'ambito della attività di supporto alle scuole garantito nel corso della emergenza corona virus dalla Polizia di Stato.

19:00 - In Campania -60% passaggi di proprietà di auto usate a marzo

E' del 60,8% il calo in Campania dei passaggi di proprietà di auto usate nel mese di marzo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Lo segnala l'Aco della Campania registrando nelle settimane del covid19 -63,1% a Napoli e provincia, il -57,5% nella provincia di Caserta, mentre Salerno è al -58,3%, Benevento -59,1% e Avellino -60,1%. Uno stop che però dovrebbe essere temporaneo visto che in Italia solo il 3% del campione che aveva intenzione di acquistare una vettura di seconda mano prima del lockdown ha cambiato idea. Oltre otto su dieci sono pronti a effettuare l'acquisto non appena la situazione migliorerà o stanno valutando di effettuarlo già adesso on-line o a distanza. Si acquisteranno prevalentemente auto diesel o benzina, ma il budget è leggermente ridotto rispetto alle previsioni iniziali. Questi i dati emersi dal sondaggio del Centro Studi di AutoScout24 (www.autoscout24.it), il principale sito in Europa di annunci di auto e moto, che ha coinvolto i propri utenti. La maggior parte degli italiani (82%) sta quindi valutando di procedere all'acquisto già in questa fase on-line o a distanza (11%) o ha "solo" rimandato l'acquisto ai prossimi mesi, non appena la situazione si stabilizzerà (71%). Se dal punto di vista delle intenzioni di acquisto ci sono alcuni segnali positivi, i principali effetti del lockdown si vedranno probabilmente sul budget: se per il 56% non subirà particolari modifiche, il 42% indica una disponibilità inferiore rispetto a quanto previsto prima dell'emergenza, seppur non di molto. Quanto spenderanno? Il 28% fino a 10mila euro, il 20% da 11mila a 15mila euro, il 18% da 16mila a 20mila euro e il 34% oltre i 21mila euro. L'analisi ha posto l'attenzione anche sui mezzi che italiani utilizzeranno principalmente per spostarsi non appena la situazione tornerà alla normalità, o quasi. Al primo posto in assoluto si posiziona l'auto privata (per il 90%), seguita da moto e dall'andare a piedi o in bici. Solo il 6% indica i mezzi pubblici e l'1% i servizi di sharing, che prevedono maggiori occasioni di contatto.

18:59 - Riunione in Campania con costruttori, balneatori e cantieri navali 

Si sono svolti oggi in Campania "i primi di una serie di incontri programmati che hanno l'obiettivo di verificare le criticità e di organizzare i protocolli di sicurezza necessari in vista della Fase 2". Le riunioni di oggi si sono svolte con i rappresentanti dell'Associazione Costruttori (cui seguirà un'ulteriore consultazione lunedì con il comparto edile dell'artigianato), quindi dei balneatori e dei cantieri navali. "Sono stati confronti utilissimi - ha dichiarato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca - e va sottolineato con soddisfazione lo spirito di collaborazione e di responsabilità manifestato da tutti. Continueremo a raccogliere indicazioni e a seguire la linea annunciata, sul doppio binario che dovrà unire alla ripartenza le indispensabili garanzie sanitarie per tutti".

18:30 - Ischia, 7 ospiti positivi in Rsa Villa Mercede

Salgono a sette gli ospiti della Rsa Villa Mercede di Serrara Fontana trovati positivi al coronavirus: dal Cotugno è infatti arrivata la notizia che l'anziana signora deceduta due giorni fa all'ospedale Rizzoli, e che ad inizio aprile era stata ricoverata alla Schiana di Pozzuoli, è risultata positiva ad un tampone eseguito post mortem; la donna era risultata negativa ad un test sierologico eseguito prima di ritornare a Villa Mercede. Nella residenza per anziani continuano i controlli sanitari della Asl Napoli 2, che hanno accertato stamane l'altro ospite positivo e che riguarderanno tutto il personale della struttura. I sei pazienti affetti da covid-19 sono stati sistemati in un'ala separata, le loro condizioni sono al momento soddisfacenti. Nei prossimi giorni gli altri ospiti di Villa Mercede saranno nuovamente sottoposti a tampone, per garantire la massima sicurezza epidemiologica.

18:23 - Napoli, consegnate 50mila mascherine a Comune

Sono arrivate a Palazzo san Giacomo grazie a Poste italiane Cargo le 50mila mascherine di tipo chirurgico che la città cinese di Zhengzhou ha inviato nelle scorse settimane "nell'ambito del saldo vincolo di amicizia e stima -spiega una nota - che lega Napoli da oltre dieci anni alla capitale della Provincia dell'Henan e rinsaldato nel 2018 proprio a Zhengzhou con la partecipazione - per delega del Sindaco de Magistris -del Presidente della commissione consiliare Marco Gaudini al Forum dei Sindaci sul turismo e la sostenibilità" Oggi le mascherine sono nella disponibilità dell’Amministrazione comunale che nei prossimi giorni le distribuirà alle categorie che sono impegnate in prima linea nella lotta alla pandemia. "Vogliamo ringraziare ancora una volta la grande generosità del popolo cinese e la straordinaria disponibilità della città di Zhengzhou e del suo Sindaco a cui avevamo scritto per avere un aiuto concreto per la nostra città", affermano, in una nota congiunta, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ed il consigliere Marco Gaudini.

18:18 - Napoli, da Comune 1.500 mascherine a tassisti

Il Comune di Napoli ha consegnato 1.500 mascherine chirurgiche al dirigente del Trasporto pubblico dell'amministrazione affinché siano distribuite ai tassisti della città. La consegna è stata effettuata dal vicesindaco, Enrico Panini, e dall'assessore alla Mobilità sostenibile, Alessandra Clemente. La distribuzione si avvarrà del supporto del consigliere delegato alla Mobilità, Ciro Langella. ''Nel difficile momento che stiamo attraversando, l'amministrazione vuole far sentire la propria vicinanza e vuole sostenere quelle categorie di lavoratori che, nonostante la crisi, continuano a svolgere la propria attività a contatto diretto con il pubblico e tra di esse figurano naturalmente i tassisti'', affermano Panini e Clemente. Già nelle scorse settimane, il Comune aveva provveduto a fornire dispositivi di protezione individuale ai tassisti. ''Le forniture proseguiranno - aggiungono - al fine di garantire la sicurezza di ogni singolo tassista napoletano, ognuno dei quali svolge una funzione fondamentale nel sistema della mobilità cittadina".

18:03 - Migliaia di richieste di liquidità a Confidi

Dopo due giorni dalla pubblicazione del primo modulo sul sito del Fondo Centrale di Garanzia per le richieste fino a 25mila euro, GA.FI., unico Confidi campano vigilato da Banca d'Italia, ha già ricevuto migliaia di richieste di sostegno da parte di aziende e professionisti, scoraggiati dall'ingorgo delle procedure generato dalla mancanza di misure operative certe e semplificate, si legge in una nota. All'Organismo di Garanzia presieduto da Rosario Caputo si sono rivolte Imprese di varie dimensioni per fatturato e numero di dipendenti, operanti in diversi settori merceologici, con in particolare una incessante richiesta di aiuto da parte di operatori turistici e della ristorazione. Molte richieste anche da professionisti appartenenti a vari ordini, nonché associazioni datoriali.

17:42 - In Campania 286 decessi e 483 guariti

Sono 286 i deceduti e 483 i guariti in Campania (di cui 378 del tutto guariti e 105 clinicamente guariti). Questi i dati aggiornati alla scorsa mezzanotte e resi noti dall'unita' di crisi della Regione Campania. Il totale dei tamponi eseguiti è 41.296. In serata il Bollettino aggiornato alle ore 22 di oggi con il totale complessivo dei tamponi e dei positivi del giorno. Il riparto dei casi per provincia: Provincia di Napoli: 2.072 (di cui 822 Napoli Città e 1250 Napoli provincia) Provincia di Salerno: 587 Provincia di Avellino: 416 Provincia di Caserta: 393 Provincia di Benevento: 157 Altri in fase di verifica Asl: 262

17:35 - Fase 2 Campania: De Luca pensa a screening di massa

"E' in corso di definizione un Piano Regionale per lo screening di massa sui cittadini campani. Questo piano di monitoraggio, di prevenzione e di cura relativo al Covid-19, deve svilupparsi in modo parallelo con il piano di rilancio delle attività economiche e sociali. La Fase 2, che è ormai prossima, non dovrà mai perdere di vista il controllo sanitario e la garanzia di sicurezza per le nostre famiglie". Così il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha annunciato nei giorni scorsi la rotta della regione verso la fase 2 ma anche l'attenzione massima a contenere il contagio in una regione che al momento ha 3.887 positivi al Covid19. Il Piano Regionale di screening coinvolgerà centinaia di migliaia di campani con una tabella di 3000 tamponi al giorno, analizzati da strutture pubbliche e privati convenzionati. Da oggi è partita la distribuzione alle farmacie della regione delle prime 500.000 mascherine, su tre milioni complessive, acquistate dalla Regione che prevederà l'obbligo di mascherina per la fase 2. De Luca per rendere la ripresa stabile nel tempo e sicura dal punto di vista sanitario e con spirito di collaborazione ha anche invitato le forze politiche, istituzionali, sociali e imprenditoriali, le organizzazioni della società civile, a far pervenire entro sabato le proprie sintetiche proposte e suggerimenti operativi. Fissata intanto per il 3 maggio la ripartenza dei cantieri edili mentre in questi gironi ci sono incontri con imprenditori balneari, ristoratori e commercianti.

17:34 - Napoli, al via iter per distribuzione farmaci

Nell’ambito di tutte le iniziative messe in campo dall’Amministrazione Comunale per l’emergenza Covid-19 parte oggi la Manifestazione d’interesse alla Distribuzione dei Farmaci realizzata in collaborazione con l’Ordine dei Farmacisti di Napoli per consentire alle Associazioni di volontariato in ambito sanitario a partecipare al Progetto "Un Farmaco per tutti". "In questo momento caratterizzato dall’emergenza Covid-19 - afferma l’Assessore con delega alla Salute Lucia Francesca Menna - la collaborazione tra l’Ente e l’Ordine dei Farmacisti di Napoli si rivela di grande importanza ed aiuto alla cittadinanza venendo incontro alle esigenze di coloro che hanno difficoltà a sostenere le spese per curarsi. Ringrazio l’Ordine dei Farmacisti di Napoli, il dott. Vincenzo Santagada, che ha messo a disposizione del Comune il Progetto "Un Farmaco per tutti" attivo sulla Città di Napoli da 5 anni, favorendo la possibilità di far conoscere il progetto ampliando la platea di Associazioni di Volontariato che operano in ambito sanitario per consentirci di far arrivare a quante più persone possibili indigenti la distribuzione gratuita dei farmaci".

17:33 - Napoli, da imprese aiuti a 500 famiglie

L'imprenditoria napoletana mette a disposizione il proprio know-how per aiutare, con consegne express al proprio domicilio, le famiglie indebolite dalla crisi economica generata dal Covid-19. Lo fa, si legge in una nota, con il progetto "Daniele per Napoli", un'iniziativa solidale che, grazie al supporto di una rete di aziende napoletane, ha distribuito in meno di una settimana, generi alimentari di prima necessità a oltre 300 famiglie. I pacchi contenenti provviste sufficienti al fabbisogno di 10/15 giorni, sono stati consegnati direttamente a casa delle persone bisognose tramite corriere espresso. Nei prossimi giorni sarà prevista un'ulteriore distribuzione di aiuti ad ulteriori 200 famiglie, contenenti oltre ai generi alimentari, anche prodotti per l'igiene personale e beni utili ai neonati. 

17:29 - Ambulanza danneggiata da sconosciuti nel Napoletano

Un' ambulanza utilizzata per il prelievo a domicilio di tamponi per l' accertamento di positività al Covid-19 sarebbe stata danneggiata da un oggetto che ha rotto uno dei vetri posteriori nel pomeriggio di ieri a Caivano (Napoli). L' episodio - non confermato dalla Polizia - è stato reso noto dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli. L' automezzo, appartenente ad un' impresa privata di Casoria (Napoli), secondo quanto sostiene il titolare "era fermo". "Il personale sanitario stava per mettersi al lavoro", quando un oggetto avrebbe colpito e mandato in frantumi il finestrino posteriore.

16:39 - Regione Campania distribuisce 500mila mascherine a farmacie

Comincia da oggi la distribuzione alle farmacie della regione delle prime 500mila mascherine acquistate dalla Regione Campania. Questo primo blocco, come da protocollo con Federfarma e Assofarma, sarà distribuito prioritariamente alle fasce deboli partendo dall'esenzione ticket, alle persone anziane, e a quelle che hanno terminato la quarantena. Dall'inizio della settimana prossima, poi, le mascherine saranno distribuite a tutte le 1.800 farmacie della Campania e, progressivamente, ai medici di famiglia, e quindi alle famiglie campane prima di renderne obbligatorio l'uso per tutti, all'esterno delle abitazioni, in vista dell'imminente Fase 2. La Regione, che ne acquisterà 3 milioni, ha già avuto la disponibilità da Poste Italiane alla consegna diretta delle mascherine nelle prossime settimane.

16:25 - Napoli, 15.517 beneficiari dei buoni spesa

Al termine delle verifiche, i cittadini napoletani beneficiari dei buoni spesa da erogare attraverso il fondo di solidarietà sono 15.517. L'amministrazione comunale ha respinto 2.714 domande sulle 18.231 richieste pervenute. Delle 2.714 domande respinte, 50 risultano rifiutate perché i richiedenti percepiscono il reddito di inclusione; 772 perché beneficiari di reddito di cittadinanza; in un caso la domanda è stata rigettata perché il richiedente percepisce entrambi i sussidi; 894 perché non c'era la residenza sul territorio cittadino; 355 le domande escluse perché nel nucleo familiare il buono era già stato richiesto da un altro componente della famiglia; 642 sono le domande respinte perché nella famiglia un componente è già titolare di Rei o Rdc.

16:13 - Napoli, Cappellano Cotugno: "Malati non perdano la fede"

"Ho incrociato lo sguardo di qualcuno che dal reparto di degenza veniva portato alla terapia semintensiva: avevano il casco, ho avuto con loro uno sguardo toccante, perché immagini che le persone che passano da una salute che va benino alla sub intensiva capiscono la precarietà della vita e il loro sguardo intende dire 'che succede ora?'". Così Padre Antonio Vellutino, francescano e cappellano dell'Ospedale infettivologico Cotugno di Napoli, racconta l'era del covid19 nell'ospedale principe per la cura del virus in Campania. Padre Antonio è al Cotugno da 16 anni, ma sta vivendo sicuramente la fase più intensa e difficile della sua esperienza. "Quegli sguardi - racconta oggi mentre attende l'arrivo del grande busto di San Gennaro donato da Lello Esposito all'Ospedale - mi hanno colpito e mi hanno dato anche angoscia. Però due persone di cui ho incrociato questo tipo di sguardo poi sono guarite". La vita nel Cotungo per il cappella è un incrocio di desideri e preghiere: "I pazienti - dice - sanno di essere in una situazione abbastanza grave e chiedono sostegno morale, psicologico, chiedono quando mi vedono una preghiera, una benedizione fatta anche simbolicamente attraverso il vetro. Sto sentendo molto mio in questo periodo anche il rapporto con il personale dell'ospedale, in particolare con le persone della direzione sanitaria: questa situazione ha sconvolto tutti, siamo a terra e con loro dopo tanti anni nell'emergenza ci siamo ritrovati a guardarci negli occhi, perché fa paura a tutti questa situazione e ci siamo ritrovati come amici e con la spiritualità che portiamo dentro per sostenerci insieme". Il rapporto dei pazienti con la fede, spiega Padre Antonio, "non è cambiato, in questo momenti di sconforto e paura la gente anche se ha poca frequenza con la fede è più presa. Tutti quelli che ho incontrato non li ho sentito lontani dalla fede o disperati o che si sono sentiti abbandonati". Con i pazienti e i sanitari il cappellano ha vissuto anche la Pasqua ai tempi del covid19: "Non potendo portare ramoscelli di ulivo e acqua santa nei reparti come faccio ogni anno, con gli infermieri e i capo servizio abbiamo passato in rassegna i reparti, facevo la benedizione davanti alle porte e poi ho benedetto l'acqua in modo che ognuno dei sanitari potesse portarla a casa dalle loro famiglie per un segno di benedizione da parte del capo famiglia".  

16:02 - Denunciato dipendente comunale nel Salernitano

Doveva essere a casa a lavorare in modalità smart working, ma i carabinieri lo hanno sorpreso in un cantiere mentre riempiva un secchio con della ghiaia utilizzata per la costruzione. Un dipendente del Comune di Bellizzi (in provincia di Salerno), ma originario di Montecorvino Rovella, è stato arrestato dai militari con l'accusa di furto con scasso, truffa aggravata e violazione delle norme di contenimento Covid-19. Ieri mattina una pattuglia della stazione carabinieri di Montecorvino Rovella, nel transitare davanti al cantiere del Planetario, ha notato che la recinzione della struttura era divelta. Dai successivi controlli hanno scoperto che all'interno si era introdotto il 65enne, sorpreso mentre riempiva un secchio con la ghiaia. I militari nei pressi della vettura hanno trovato altri otto secchi pronti per essere riempiti. Ogni secchio potrebbe contenere fino a 15 chili di materiale. Dai successivi accertamenti è emerso che l'uomo è un dipendente comunale in servizio a Bellizzi e che al momento del controllo avrebbe dovuto essere a casa al lavoro in modalità smart working, mentre invece era intento a svolgere piccoli lavori edili nel piazzale della sua abitazione. L'uomo dovrà rispondere di furto aggravato ai danni della ditta che svolge i lavori per il cantiere, truffa aggravata ai danni dell'amministrazione comunale di Bellizzi e inoltre dovrà pagare la multa che gli è stata inflitta per aver violato le norme anti-Covid.

15:27 - Ercolano, polizia dona aimenti a bisognosi

Agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Portici - Ercolano hanno donato generi di prima necessità ai più indigenti. Con l'ausilio dei volontari della Croce Rossa Italiana del comitato di Ercolano, gli agenti hanno consegnato, questa mattina, pacchi con gli alimenti al sacerdote Pasquale Incoronato che dirige la Locanda di Emmaus, centro di pastorale giovanile da anni impegnato nel recupero di minori a rischio. Confezioni di pasta, riso, latte a lunga conservazione, bottiglie di olio e passate di pomodori sono state collocate nella Locanda di Emmaus per poi essere distribuite alle famiglie più indigenti. I volontari della Croce Rossa hanno fornito supporto logistico mettendo a disposizione degli agenti buste per la spesa e mezzi per il trasporto. L'iniziativa si inserisce nel solco delle attività di solidarietà che, in questo periodo di emergenza coronavirus, vede impegnate in prima fila le forze dell'ordine a favore delle fasce deboli.  

14:49 - Partiti test rapidi per coronavirus nel Casertano

Sono partiti a Parete (in provincia di Caserta) i test rapidi per accertare la presenza del coronavirus. Parete è il primo Comune del Casertano ad averli autorizzati con ordinanza del sindaco, mettendosi contro Asl e Regione Campania. Peraltro lo stesso ministero della Salute, che ne ha autorizzato la libera vendita nelle farmacie, ritiene tali test non del tutto attendibili. "L'Asl continua a praticarne pochi di tamponi - dice Pellegrino - ma noi sindaci, che ricordo siamo le massime autorità sanitarie nel comune, abbiamo comunque l'obbligo di tutelare chi è in prima linea; per questo abbiamo stanziato 10mila euro di fondi nostri per circa 600 test rapidi, e da ieri abbiamo iniziato a praticarli ai medici del territorio e ad alcuni agenti della Municipale; anch'io mi sono sottoposto al test. Tutti sono risultati negativi".
Inizialmente Pellegrino aveva autorizzato un laboratorio ubicato a Parete ad eseguire i test, ma poi lo ha messo in stand-by dopo l'altolà della Regione, che tre giorni fa ha chiesto un parere all'Istituto superiore di sanità sulla possibilità che anche i laboratori privati eseguano i test per il Covid-19; parere arrivato in senso positivo, per cui la Regione ha pubblicato ieri un bando aperto appunto ai laboratori privati che vogliano partecipare allo screening di massa. Ma intanto a Parete, dove c'è stato un solo contagiato poi guarito (si trattava di un medico donna), il sindaco va per la sua strada. E dall'Asl preferiscono non commentare. "Facessero ricorso al Tar se ritengono illegittima la mia ordinanza; ma per ora nessuno lo ha fatto", conclude Pellegrino.

14:45 - Sottosegretario alla Difesa: "Grande lavoro Esercito a Salerno"

"Con il potenziamento del dispositivo 'Strade Sicure' a Salerno veniamo incontro alle richieste dei sindaci delle amministrazioni locali per l'emergenza Covid-19. Laddove ci è stato richiesto siamo intervenuti aumentando il numero dei militari, 60 unità in più a Salerno e 115 nella piazza di Napoli, e dove necessario è stata anche rimodulata l'operazione per renderla ancora più aderente alle necessità contingenti. La risposta puntuale della Difesa in Campania, così come su tutto il territorio nazionale, è sotto gli occhi di tutti", scrive in una nota il Sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo. "Stiamo facendo un grande lavoro d'intesa con il Ministero dell'Interno e con le Prefetture che viene riconosciuto dai sindaci e dai cittadini", aggiunge Tofalo.

14:44 - Torre del Greco, 60enne muore 2 settimane dopo la madre

Continua a crescere il numero dei decessi legati al Coronavirus a Torre del Greco (in provincia di Napoli): a quattro giorni dalla Pasqua "nera" durante la quale si erano registrate tre vittime (tra le quali un medico contagiato e poi deceduto mentre era in Lombardia), c'è un nuovo morto tra i soggetti risultati positivi al Covid-19. Si tratta di G.D.R., persona che non aveva ancora compiuto 60 anni e che da ciò che si apprende soffriva di altre patologie pregresse. Tragica la sua storia: meno di due settimane fa l'uomo aveva perso l'anziana mamma, anche lei risultata positiva al Coronavirus. G.D.R. è la 18esima vittima da Covid-19 dall'inizio della pandemia.

13:16 - Giugliano, barbiere al lavoro: multa e locale sequestrato

A Giugliano, in provincia di Napoli, nel pomeriggio di ieri la Polizia ha multato un barbiere che stava servendo alcuni clienti. I poliziotti, dopo aver ricevuto una segnalazione, sono entrati in una barberia in via Magellano, il cui ingresso principale era chiuso, e hanno trovato il titolare con quattro clienti. Tutti i presenti sono stati multati. Inoltre, il locale è stato sequestrato per la mancanza di un'autorizzazione per lo smaltimento di rifiuti pericolosi.

12:59 - Pc a studenti disagiati dalla polizia locale di Napoli

Gli agenti della polizia locale di Napoli hanno consegnato 25 computer portatili, messi a disposizione dal ministero dell'Istruzione con la formula del comodato d'uso gratuito, ad alunni dell'Istituto comprensivo statale Scudillo-Salvemini Centrale. I ragazzi beneficiari appartengono a famiglie meno agiate e che dunque avevano difficoltà nel praticare la didattica a distanza.

12:06 - Andava in bici, minorenne multata

Anche una ragazza che andava in bicicletta è incappata nei controlli sull'applicazione della normativa sull'epidemia da Coronavirus a Napoli. La ragazza, minorenne, è stata fermata da una pattuglia della polizia in piazza Europa, nel quartiere Vomero, poco dopo le 10:30, e multata.

11:58 - A San Giorgio a Cremano sostegno psicologico

Uno sportello di sostegno psicologico on line, gratuito, rivolto a quanti in questi giorni di isolamento domiciliare stanno
manifestando malumori o intendano ricevere informazioni sui servizi di cui possono godere come ad esempio bonus, la spesa a domicilio, il ritiro della pensione. Questa è l'iniziativa messa in campo da Assoutenti Campania e dall'associazione TAM - Tieni a Mente che da anni offre sostegno psicologico alle persone con difficoltà fisiche, emotive e sociali. 

11:47 - Venduto a 14.400 euro in asta benefica dipinto street artist Jorit

E' stato battuto all'asta per 14.400 euro il dipinto dello street artist Jorit raffigurante Paolo Ascierto, il medico che ha curato i pazienti positivi a coronavirus con il tocilizumab, il farmaco anti-artrite. E' lo stesso street artist a comunicare che l'opera è stata venduta e che ad aggiudicarsela è stato un napoletano. Il ricavato dell'asta benefica, avvenuta online su Blindarte, è destinato all'ospedale Pascale di Napoli e alla Lombardia. "Sono contento che ad aggiudicarsi l'opera, dando un contributo concreto alla lotta di medici, infermieri e personale sanitario contro il Covid-19, sia un napoletano, Mario Morra - dice Jorit - che si occupa di turismo, un settore come molti altri duramente colpito da questa emergenza sociale e economica oltre che sanitaria. Segno che nessuno si salva da solo: ne usciremo solo comportandoci tutti finalmente da comunità". "Metà dell'importo è già stato versato al Pascale e la restante metà andrà alla Lombardia la regione maggiormente colpita - conclude - Grazie a Blindarte per aver reso possibile tutto questo".

11:44 - Morta dottoressa ricoverata a Napoli

Ancora una vittima per il Coronavirus tra il personale sanitario: è infatti deceduta la scorsa notte la dottoressa Maria Rosaria Esposito, ostetrica originaria di Torre Annunziata (Napoli) ma residente a Terzigno, nel Vesuviano. A renderlo noto è il sindaco della città oplontina Vincenzo Ascione, che in una nota sottolinea come il medico "era ricoverata presso l'azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli (Secondo Policlinico) dove, da circa un mese e mezzo, lottava contro il Coronavirus. La donna era affetta da altre patologie congenite". Il cordoglio del sindaco Vincenzo Ascione: "L'amministrazione comunale partecipa al dolore della famiglia per la prematura scomparsa di Maria Rosaria, ed in questo triste giorno è vicina a marito e figli, a cui vanno le più sentite condoglianze".

11:22 - Luigi de Magistris: "Paese in ginocchio, serve liquidità"

"Il paese è in ginocchio e se si lascia indietro anche solo un pezzettino non riparte. Le priorità sono dare liquidità a chi altrimenti non si rialza più e la sicurezza sanitaria". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che a Radio Crc ha aggiunto: "L'Italia è fatta di una filiera di piccole e medie imprese e ci sono settori come il turismo, la cultura, la ristorazione che andavamo molto forti soprattutto qui a Napoli e che si riprenderanno molto più tardi rispetto ad altri. Per questo motivo ci dobbiamo inventare nuove categorie per ripartire".

10:53 - Pasticcerie campane chiedono a Vincenzo De Luca di riaprire

Parte da Pompei la richiesta al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ad autorizzare le pasticcerie a riaprire le attività per la vendita di dolci con un sistema contingentato e controllato  di entrata nei locali. A lanciare l'appello è Salvatore Gabbiano, membro dell'Accademia Maestri Pasticceri Italiani: "La nostra categoria è stata messa nell'angolo. Abbiamo i dipendenti a casa e molti rischiano di non aprire più. Per questo chiediamo al presidente De Luca se può verificare di farci aprire in modo controllato. Noi potremmo chiamare a turnazione i nostri dipendenti dando così ossigeno alle nostre attività". I pasticceri campani si affiancano così alla richiesta dei pizzaioli che propongono l'apertura delle attività con consegna a domicilio.

10:50 - Fuga in auto contromano per evitare i controlli anti-Covid

Per eludere i controlli legati all'emergenza Coronavirus si infila con l'auto in una strada nel senso inverso rispetto a quello consentito ma viene bloccato e arrestato dopo un inseguimento. È accaduto a Torre Annunziata, nel Napoletano, dove i carabinieri hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale P.T. di 40 anni.

9:33 - Clienti ammassati in negozio, titolare multato nel Casertano

Non garantiva il rispetto delle distanze di sicurezza anti contagio: una sanzione da 400 euro è stata notificata dagli agenti del commissariato di Maddaloni (Caserta) al titolare di un esercizio commerciale del centro storico che consentiva ai suoi clienti di ammassarsi esponendo tutti a un elevato rischio di contagio.

7:03 - Altri 80 contagiati, in Campania 3.887 positivi

Su 1.762 tamponi esaminati ieri in Campania, 80 sono risultati positivi, portando il totale dei contagiati a quota 3.887. In totale sono 41.296 i tamponi eseguiti. Lo rende noto l'Unità di Crisi della Regione Campania. L'ospedale Cotugno di Napoli ha esaminato 553 tamponi (38 positivi); l'ospedale Ruggi di Salerno ha esaminato 220 tamponi (5 positivi); l'ospedale Sant'Anna di Caserta ha esaminato 54 tamponi (nessuno positivo); l'ospedale Moscati di Avellino ha esaminato 174 tamponi (nessuno positivo); l'ospedale San Paolo di Napoli ha esaminato 80 tamponi (9 positivi); l'Azienda Universitaria Federico II ha esaminato 86 tamponi (3 positivi); l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno ha esaminato 410 tamponi (23 positivi); l'ospedale di Nola (Napoli) ha esaminato 31 tamponi (2 positivi); l'ospedale San Pio di Benevento ha esaminato 79 tamponi (nessuno positivo); l'ospedale di Eboli (Salerno) ha esaminato 75 tamponi (nessuno positivo).

Napoli: I più letti