Coronavirus in Campania, 486 i casi in regione

Campania

L'Unità di Crisi della Regione Campania comunica che stamane, presso il centro di riferimento dell'ospedale Cotugno, sono stati esaminati 125 tamponi, di cui 26 risultati positivi

Ventisei nuovi casi di coronavirus, e il totale in Campania sale a 486. L'Unità di Crisi della Regione Campania comunica che stamane, presso il centro di riferimento dell'ospedale Cotugno, sono stati esaminati 125 tamponi, di cui 26 risultati positivi. Come per gli altri fino ad oggi esaminati, si attende la conferma ufficiale da parte dell'Istituto Superiore di Sanità.
In provincia di Napoli i pazienti positivi sono 281 (di cui: 167 Napoli Città e 114 Napoli provincia). In provincia di Caserta 68; in provincia di Salerno 65; in provincia di Avellino 56 e in provincia di Benevento 4. I pazienti in attesa di verifiche da parte delle Asl sono 12. Il dato, aggiornato alle 19, è derivato, si legge in una nota, dall'incrocio dei dati provenienti dai Centri di Elaborazione tamponi (Cotugno, Ruggi d'Aragona e Moscati ) con quello delle Asl di appartenenza.
Intanto, sabato scorso è stato sanificato il palazzo della Regione, in via santa Lucia, a Napoli, dopo che un consulente esterno è risultato positivo. L’uomo, che non ha avuto contatti diretti con il governatore Vincenzo De Luca, è in buone condizioni. Ora si trova in isolamento domiciliare. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

Primo positivo a Torre Annunziata

Primo caso si coronavirus anche a Torre Annunziata (Napoli). Ne dà notizia il sindaco della città vesuviana, Vincenzo Ascione, il quale riferisce che si tratta di un uomo di 82 anni, residente nella zona periferica, al confine con Pompei e Boscoreale, risultato positivo al tampone ed attualmente ricoverato all'ospedale di Boscotrecase. Il primo cittadino ha anche reso noto che è risultata positiva una donna, moglie di un dipendente del Comune residente a Torre del Greco. "Il protocollo dell'Asl Napoli 3 Sud - comunica il sindaco Ascione - esclude il test con il tampone per i familiari della donna contagiata in quanto asintomatici. Stesso discorso per le persone entrate a stretto contatto con il dipendente comunale. I familiari verranno messi in quarantena obbligatoria e monitorati per 14 giorni. Nel frattempo è stata effettuata la sanificazione degli uffici comunali. La situazione è sotto controllo". Chiusi alcuni uffici comunali.

De Magistris annuncia nuove misure per Napoli

"Tra poco approveremo un'altra delibera per mettere in campo altre misure a sostegno dei nostri cittadini. Sono fatti concreti e non chiacchiere". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un video annuncia nuovi provvedimenti per far fronte all’emergenza. "Stiamo lavorando h24, anche se fisicamente siamo pochi qui in sede perché molti lavorano da casa, avendo un solo obiettivo: salvare la città e i napoletani da questo maledetto virus per tornare presto tutti insieme ad abbracciarci".
Il primo cittadino partenopeo ha poi fatto il punto sulla sanificazione della città. "Ho chiesto uno sforzo ulteriore ad Asia e Napoli Servizi per implementare ancora di più i mezzi ma li ringrazio perché con pochissime risorse economiche e in una situazione di emergenza stanno facendo un lavoro importante. Arriveremo in tutta la città, in tutti i vicoli, in tutte le strade e le piazze e lo faremo anche dopo che l'emergenza sarà finita perché i mezzi ce li teniamo".

Denunciato un farmacista a Napoli

Intanto, proseguono i controlli sul territorio per verificare il rispetto delle restrizioni volute dal Governo e contrastare il fenomeno degli aumenti dei prezzi di vendita dei prodotti di prima necessità. Un farmacista della zona Chiaia, a Napoli è stato denunciato perché vendeva mascherine, gel igienizzante per mani, e guanti monouso applicando aumenti sproporzionati e speculativi rispetto a quelli precedenti all’emergenza. Gli articoli sono stati sequestrati.

Commercialisti Napoli Nord donano 5mila euro al Cotugno

Si moltiplicano anche i gesti di solidarietà. L'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord, ha donato cinquemila euro a favore dell'Ospedale "Cotugno" del capoluogo campano e ha annunciato, tramite una nota firmata dal presidente Antonio Tuccillo, di aver lanciato anche una raccolta fondi, "convinti che l'aiuto concreto di ognuno di noi costituisca il tassello fondamentale per vincere la pandemia in atto".

A Capri fondo per lavoratori e imprese colpiti dall'emergenza

Il Comune di Capri ha istituito un fondo speciale a sostegno delle imprese dell’isola e dei lavoratori stagionali colpiti dalla crisi generata dall’emergenza. L'intervento è stato concordato dall'assessore al Bilancio Salvatore Ciuccio e dal sindaco Marino Lembo dopo le misure economiche varate ieri dal Governo. "La crisi certamente avrà ripercussioni economiche e finanziarie su tutto l'indotto, non solo sul comparto turistico, ma su tutto il tessuto imprenditoriale e sociale caprese e pertanto bisognerà prestare molta attenzione e sensibilità alle grosse difficoltà a cui sicuramente andranno incontro le aziende, le famiglie di Capri ed i ceti sociali meno abbienti", le parole dell'assessore Ciuccio.

Chiusi cimitero e isola ecologica ad Afragola

Ad Afragola è stata disposta la chiusura immediata fino a nuovo avviso del cimitero comunale e dell'isola ecologica del Rione Salicelle, con il divieto di i depositare gli ingombranti all'esterno delle proprie abitazioni. La raccolta avverrà solo su prenotazione. A seguito di questa misura, il sindaco, Claudio Grillo, ha rivolto "un pressante invito" affinché si rispettino le disposizioni emanate evitando soprattutto il deposito all'esterno delle proprie abitazioni degli ingombranti che possono diventare piccole discariche fonti di focolai d'infezione.

Consigliere comunale positivo a Napoli

Mario Coppeto, consigliere comunale e capogruppo di Sinistra Napoli in “Comune a Sinistra”, è risultato positivo al coronavirus e, a partire da oggi, tutti i lavori del consiglio comunale del capoluogo lombardo si svolgeranno in videoconferenza. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo consiliari, riunitasi stamani nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino: durante la riunione, il presidente del parlamentino cittadino, Alessandro Fucito, ha comunicato la notizia del collega contagiato, il quale lo aveva annunciato sul proprio profilo Facebook. All’uomo è stata espressa solidarietà da parte di tutti gli intervenuti.

L’annuncio sui social

Coppeto ha dichiarato sui social: ''Sento il dovere civico di informarvi tutti che sono risultato positivo al test del Covid-19. La mia attività professionale, istituzionale e politica, nonché la mia etica, mi impongono di dare il massimo dell'informazione. Sto bene e sono seguito da medici esperti. Vi abbraccio tutti". Il consigliere è direttore del servizio tecnico sanitario dell'azienda Santobono Pausilipon.

Ad Anacapri maggiori controlli per le merci

Il sindaco di Anacapri, Alessandro Scoppa, ha emanato questa mattina un'ordinanza per rafforzare i controlli sulla filiera del trasporto merci proveniente dalla terraferma. Le disposizioni, adottate in virtù della specificità del territorio isolano, sono rivolte a tutti i trasportatori, sia quelli in entrata, che consegnano merci sull'isola, sia quelli che partono da Capri per approvvigionare le proprie attività commerciali a terraferma.

L’ordinanza

Il trasportatore - si legge nell'ordinanza - dovrà munirsi di dispositivi di protezione individuale e dovrà anche dotarsi, al molo di imbarco, di biglietto di andata e ritorno. Una volta giunto ad Anacapri, dovrà effettuare la propria consegna nei pressi di ogni esercizio commerciale, evitando però di scendere dal proprio autoveicolo e lasciando così che lo scarico delle merci venga effettuato dall'esercente destinatario della consegna stessa. Le forze dell’ordine puniranno i trasgressori con sanzioni fino ai 500 euro.

Controlli a tappeto a Ischia: 11 denunce

Si intensifica l'attività di controllo sull'intero territorio di Ischia da parte delle forze dell'ordine. I carabinieri hanno denunciato ieri due 26enni che, dopo essere rientrati dalla Lombardia e messi in quarantena dall'Asl, nel corso di un pattugliamento notturno nella frazione Sant'Angelo sono stati trovati in strada senza un valido motivo.
Stessa sorte è toccata nel pomeriggio di ieri a un 35enne, che a Ischia Porto è rimasto in giro per alcune ore con due sacchetti della spesa in mano. I militari lo avevano notato già qualche ora prima. Una volta fermato, le sue giustificazioni sono state smentite quando gli è stato chiesto di mostrare lo scontrino della spesa, che riportavo l'orario delle 12.
Controlli a tappeto anche da parte della Polizia di Stato, che ha denunciato 8 persone, tra cui diversi giovani. Uno, in particolare, è stato trovato in strada a ballare durante un flash mob musicale. Altri due, in sella a bici elettriche sul lungomare di Casamicciola Terme, sono stati fermati da una autopattuglia mentre tornavano a casa dopo aver trascorso l'intera giornata a casa di amici.

A Napoli accoglienza diurna ai clochard

Il Comune di Napoli, attraverso l'assessorato alle Politiche sociali, sta lavorando per riuscire a tenere aperto anche in alcune ore diurne i Centri di prima accoglienza de La Tenda, La Palma e il dormitorio di via De Blasis (che a regime sono operativi dalle ore 19 alle 7 del mattino) per i tanti senza fissa dimora che vivono nelle strade e nelle piazze. L’assessore Monica Buonanno ha spiegato all’Ansa: ''L'obbligo per la popolazione di restare a casa purtroppo non si può applicare a chi una casa non la ha. Per questo stiamo provando ad aprire i centri anche di giorno e siamo anche in contatto con la protezione civile per valutare la possibilità di allestire delle tensostrutture in zone più periferiche della città così da dare accoglienza ai senza fissa dimora e consentire loro di essere al riparo, di avere un letto e un pasto''. A proposito del cibo, Buonanno, in merito a un’ordinanza regionale vieta alle mense il servizio di consegna, ha “scritto alla Regione per avere chiarimenti''. Per dare riparo a chi vive in strada, sono aperte anche le stazioni della metropolitana nell'ambito del piano antifreddo e sono regolarmente in strada le tre Unità che, sette giorni su sette e 24 ore su 24, svolgono azioni di contatto e aiuto psicologico. Sul fronte del sostegno alle persone più fragili, infine, il Comune ha lanciato sulla pagina Facebook l'appello “Insieme, mai soli” rivolto al terzo settore, cooperative, aziende, farmacie, parrocchie. Qui chi vorrà potrà segnalare la propria disponibilità per offrire un servizio di volontariato. Nelle prossime ore inoltre sarà attivo anche un numero verde.

Napoli: I più letti