Salari, Istat: a uomini 7,4% in più delle donne

Lavoro
istatgap_foto

Anche se in calo, nel 2017 (anno a cui si riferiscono gli ultimi dati dell’Istituto di Statistica) permane il gap retributivo uomo-donna. I maschi guadagnano in media il 7,4% in più. Era l'8,8% tre anni prima.

Rimane ampio, anche se il trend si mostra in calo, il gap retributivo uomo-donna: nel 2017 si attesta a +7,4% a favore degli uomini. Dato più basso rispetto al 2014 (quando si attestava al +8,8%) per effetto di una maggiore crescita della retribuzione oraria mediana delle donne (+2,4%) rispetto a quella degli uomini (+1%). E' quanto emerge dal rapporto Istat sui differenziali retributivi in Italia. Nel 2017 la metà delle posizioni lavorative percepisce una retribuzione oraria pari o inferiore a 11,25 euro (valore mediano: ordinando le posizioni lavorative secondo il valore crescente della retribuzione oraria, la mediana è il valore della retribuzione della posizione lavorativa centrale).

Aumenta la retribuzione oraria

Buone notizie per la retribuzione oraria, che l’Istat segnala in crescita nel 2017 dell'1,7% rispetto al 2014, dello 0,4% rispetto al 2015 e dello 0,3% rispetto al 2016. Nel 2017 la metà delle posizioni lavorative percepisce una retribuzione oraria pari o inferiore a 11,25 euro (valore mediano). Le tipologie di lavoro più diffuse, ovvero i contratti a tempo indeterminato (pari al 65,5% dei rapporti totali) e i contratti a tempo pieno (pari al 68,3% dei rapporti totali) presentano una retribuzione oraria più alta rispetto alle altre tipologie. In particolare, la retribuzione oraria mediana dei lavoratori con contratto full-time (11,98 euro) è del 19% superiore a quella dei part-time, mentre per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato il differenziale retributivo è più alto del 17,4% rispetto a quelli a tempo determinato.

Impiegati e dirigenti, +65,4% rispetto agli apprendisti

A livello di qualifica contrattuale, nel 2017 gli impiegati e i dirigenti percepiscono una retribuzione oraria mediana pari a 14,04 euro ovvero il 65,4% in più rispetto agli apprendisti; per gli operai, che rappresentano il 62% circa delle posizioni lavorative totali, lo stesso differenziale è pari al 23,7%. Le posizioni lavorative con almeno 90 giornate retribuite nell’anno, definite ad alto input di lavoro, rappresentano il 75% circa del totale e registrano una retribuzione oraria mediana di 11,65 euro, con un differenziale retributivo del +13,5% rispetto a quelle a basso input. E' "notevole" il differenziale retributivo tra i lavoratori nati in Italia e quelli nati all’estero: questo, infatti, è pari al 13,8%. La retribuzione oraria mediana dei rapporti di lavoro di dipendenti nati in Italia (che sono l’83,3% del totale) è pari a 11,53 euro, superiore di 1,40 euro rispetto a quella dei lavoratori nati all’estero.

 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24