Coronavirus: da Iit robot fai-da-te da usare in ospedale

Liguria
7785ae6d9d90eabe301d72fa47859664

Sperimentati in 3 strutture,fanno comunicare malati e familiari

Un aspirapolvere robotico, un piedistallo e due tablet, più un software liberamente accessibile e l'assistenza tecnica dei maker: sono stati realizzati così i robot fai-da-te da mille euro che si stanno sperimentando in tre ospedali italiani, per permettere ai pazienti in isolamento per Covid-19 di comunicare con i familiari e ai medici di fare consulti a distanza. L'iniziativa è dell'Iit (Istituto italiano di tecnologia) di Genova in collaborazione con la Maker Faire nell'ambito del progetto LHF-Connect. In particolare l'Iit e l'università di Pisa hanno sviluppato il software opensource, che permette di manovrare il robot da remoto, mentre l'azienda iRobot, produttrice dell'aspirapolvere robotico, ha concesso di accedere ai propri software per usarli e modificarli. I primi tre robot sono in sperimentazione presso l'Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, l'Azienda USL Toscana Nordovest di Massa-Carrara e il Centro Polivalente Anziani Asfarm di Induno Olona (Varese).
    (ANSA).
   

Genova: I più letti