Cugino di Spike Lee morto nella battaglia del Cinquale

Toscana
90a6beea02047fe0918eba1506eef3af

regista non lo sapeva quando giro' "Miracolo a Sant'Anna"

ascolta articolo

(ANSA) - NEW YORK, 29 GIU - Un cugino di Spike Lee e' morto in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale pochi chilometri piu' a nord di Sant'Anna di Stazzema, la localita' sulle Apuane teatro di una strage dei nazisti nel 1944 su cui il regista afro-americano 15 anni fa ha girato il film "Miracolo a Sant'Anna".
    Maceo Walker aveva 20 anni quando fu ucciso nella battaglia del Cinquale, probabilmente dilaniato dalle artiglierie nemiche, ma Spike non lo sapeva all'epoca del film ambientato in Versilia in cui, intrecciando storie italiane e americane, aveva raccontato la saga dei Buffalo Soldiers, 15 mila soldati neri della 92esima Divisione spediti in battaglia per liberare l'Italia mentre nel loro paese venivano umiliati. Maceo era uno di questi. Nato a Baltimora, si era arruolato nel 1943 e l'anno dopo era stato spedito in Italia. Secondo esperti del Pentagono potrebbero essere suoi i resti di uno di due soldati uccisi al Cinquale e che la scorsa settimana sono stati esumati dal Cimitero Americano di Firenze dove sono sepolti circa 4.400 militari Usa morti durante la Seconda Guerra Mondiale. I resti saranno trasportati in un laboratorio federale in Nebraska per essere esaminati.
    "Non e' solo mio cugino - ha detto Lee in un messaggio in cui invita parenti di soldati "missing in action" a donare il Dna per aiutare nell'identificazione - ma tutti i suoi fratelli della 92esima divisione. I soldati Buffalo, che hanno combattuto per questo Paese, che credevano in questo Paese e che negli Stati Uniti non erano ancora cittadini di prima classe". Dimenticata dalla storia, la battaglia del Cinquale fu combattuta lungo un canale minato sotto la pioggia e nel fango nel febbraio 1945. Dopo aver sofferto pesanti perdite, al quarto giorno il 366esimo reggimento a cui apparteneva Walker fu ritirato con ignominia: "Non hanno la stabilita' emotiva e mentale necessaria per il combattimento", disse all'epoca il generale Lucian Truscott, secondo il libro di Hondon Hargrove "Buffalo Soldiers in Italy". 700 militari della 92esima divisione sacrificarono la loro vita in Italia. Meta' dei circa cinquanta Buffalo ancora non identificati facevano parte del 366esimo reggimento. (ANSA).
   

Firenze: I più letti