Moria di uccelli nel Ravennate

Emilia Romagna
@ANSA
3e00a629e2fa2d53c50a626faf2639e4

Oltre mille carcasse recuperate. La denuncia di Italia Nostra

"Una vera e propria ecatombe in una delle zone più preziose del patrimonio ambientale italiano, protetta dalle norme europee ed italiane e dalla convenzione di Ramsar". Così Italia Nostra parla della moria di uccelli acquatici che negli ultimi giorni si è registrata nel Ravennate, nella zona di Valle della Canna, forse provocata da un'intossicazione di botulino. "Solo venerdì 4 ottobre, sono stati recuperati 1075 uccelli morti (di cui 35 trampolieri) e 185 ancora vivi. Circa 300 quelli recuperati nei giorni precedenti, di cui una sessantina i superstiti. Di questi 60, sette quelli sopravvissuti alla strage", spiega Italia Nostra. "Si calcola che i morti complessivi possano essere almeno il triplo, ovvero svariate migliaia, senza contare quelli che avranno contratto l'intossicazione per poi andare a morire altrove, come già segnalato per alcuni siti".
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24