Reti e predatori naturali contro la cimice asiatica

Emilia Romagna
bologna

Progetto cooperative valuta l'efficacia di antidoti sostenibili

Reti protettive e predatori naturali per difendere le coltivazioni di frutta dalla cimice asiatica (Halyomorpha halys), insetto esotico presente da diversi anni sul territorio italiano, temuto perché in grado di provocare ingenti danni agli alberi da frutto, in particolare a pero, kiwi, melo e pesco. A evidenziare l'efficacia dei due sistemi 'anti-cimice' è un progetto triennale emiliano-romagnolo finanziato dalla Regione e coordinato dalla cooperativa Centro ricerche produzioni vegetali (Crpv) con il coinvolgimento di altre strutture di ricerca e delle principali realtà produttive cooperative.

Il progetto, denominato 'Halys' e nato nel 2016 per affrontare la cimice asiatica che è presente in Emilia-Romagna dal 2012, punta a individuare nuovi sistemi di difesa contro l'insetto, che siano sostenibili e rispettosi dell'ambiente. Tra questi, secondo i ricercatori, spiccano le reti protettive e multifunzionali, le trappole a feromoni e i predatori naturali.

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.