200 bombole ossigeno scaduto sequestrate in ospedale Lecce

Puglia
3c84270b5c21c3d5989025e3871de99d

Asl, erano in impianto secondario mai entrato in funzione

(ANSA) - BARI, 13 NOV - Un impianto composto da circa 200 bombole con ossigeno scaduto è stato sequestrato ieri dai Nas nel corso di una ispezione nell'ospedale Vito Fazzi di Lecce. Le bombole erano agganciate al sistema di emergenza secondario ma - a quanto si apprende - poiché l'ossigeno è considerato un farmaco a tutti gli effetti, quando è scaduto non può essere conservato a meno che non sia riportata l'indicazione 'farmaco scaduto in attesa di reso'. "I Nas - precisa la Asl di Lecce in una nota - condividendo la richiesta della direttrice della farmacia del Presidio Ospedaliero Vito Fazzi, hanno disposto lo smontaggio delle bombole con prodotto scaduto". E l'Asl "contesterà alla ditta la inadempienza contrattuale riscontrata". Le bombole con l'ossigeno scaduto erano in una "rampa mai entrata in funzione nel corso degli anni - evidenzia l'Asl - con più bombole attivabili solo manualmente da un operatore in caso di estrema urgenza, per non funzionamento del sistema centrale e della rampa di emergenza ad attivazione automatica". (ANSA).
   

Bari: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24