Astrazeneca, in Vda inoculate 900 dosi del lotto sequestrato

Valle D'Aosta
03a09da1b203028d75782ea1159f87fd

Usl, "faremo verifiche attraverso medici di medicina generale"

Sono oltre 900 le dosi già somministrate in Valle d'Aosta del vaccino Astrazeneca, appartenenti al lotto ABV5811, di cui la procura di Biella ha ordinato il sequestro in via preventiva nell'ambito dell'inchiesta aperta dopo la morte del professore di clarinetto Sandro Tognatti, 57 anni. Appartenevano infatti a uno stock di 1.000 dosi i nove flaconi (pari a 90 dosi) non somministrati ieri e prelevati oggi dal Nas al Palaindoor di Aosta. "Anche per loro faremo delle verifiche attraverso i medici di medicina generale", spiega il direttore sanitario dell'Usl della Valle d'Aosta, Maurizio Castelli. Lo stesso l'azienda sanitaria ha già disposto per le persone vaccinate tra il 10 e il 19 febbraio scorsi con il siero Astrazeneca del lotto ABV2856 di cui, dopo la segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, l'Agenzia italiana del farmaco aveva deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo l'11 marzo scorso.
   

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.