Compagna aggredita, manager patteggia

Valle D'Aosta
@ANSA
e4c8c8e97b19a274fab7b44179545c38

Solo per violenza privata, i fatti a Rhemes ad agosto

Ha patteggiato cinque mesi di reclusione, con la sospensione condizionale della pena, Filip De Ridder, il manager belga di 55 anni arrestato il 19 agosto 2019 a Rhemes-Notre-Dame con l'accusa di aver chiuso in una stanza la fidanzata trentenne e di aver tentato di strangolarla al culmine di un litigio. I fatti in un appartamento affittato per le vacanze.
    Inizialmente indagato per sequestro di persona e tentato omicidio, ha visto poi derubricare le accuse nei suoi confronti.
    Così, per il reato di lesioni personali, la donna ha rimesso la querela e il giudice monocratico del tribunale di Aosta Marco Tornatore lo ha condannato soltanto per violenza privata. Il manager era difeso dall'avvocato Federico Parini.
   

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24