Fine vita: vescovo Senigallia,'Mario' ha tessuto elogio vita

Marche
d977a6686b7805bd9adc6e8a1839b87c

Mons. Manenti sorpreso da parole 44enne prima suicidio assistito

ascolta articolo

   A pochi giorni di distanza dal primo caso di suicidio medicalmente assistito registratosi in Italia, arriva il commento del vescovo di Senigallia (Ancona).
    Alla guida della Diocesi da gennaio 2016, mons. Franco Manenti si è detto "sorpreso" delle parole con le quali Federico Carboni, conosciuto come 'Mario' prima del suicidio assistito, ha detto addio, perché "non ha attribuito alla vita la colpa della sua tragica sofferenza; anzi ne ha tessuto l'elogio come 'fantastica' e irripetibile".
    L'apprezzamento per la vita che ha fatto il 44enne senigalliese, in passato autotrasportatore, non è limitato agli anni precedenti il grave incidente, sottolinea il vescovo, tanto da "essere dispiaciuto" nel congedarsi da essa. "La sorpresa - spiega il responsabile della Diocesi senigalliese - è stata ancora più grande di fronte alle sue ultime parole: 'finalmente sono libero di volare dove voglio, e spero di essere lì con voi'. Solo Federico potrebbe chiarire a che cosa fa riferimento con queste parole. Spero che volesse esprimere il proprio convincimento che la morte non consegna una persona al nulla e non le impedisce di continuare ad avere con sé le persone care".
    Un auspicio, un atto di fede verso una vita ultraterrena.
    Manenti ha poi pregato perché Gesù Risorto si prenda cura di Federico e "parli con lui" per "dirgli che i tanti anni che gli hanno impedito di assaporare ancora di più la vita fantastica, non sono un buco nero che divora tutto, anche il desiderio di vivere". (ANSA).
   

Ancona: I più letti