Alzheimer: Unicam studia se dormire bene aiuta a prevenire

Marche
07ed93479a73e16723d7cd5b979992f1

Fondi da "Alzheimer's Research UK".Su malattie neurodegenerative

(ANSA) - CAMERINO, 16 OTT - Dormire bene potrebbe aiutare a prevenire malattie neurodegenerative, tra le quali l'Alzheimer, oppure a ritardarne l'insorgenza. È quanto stanno cercando di scoprire i ricercatori del laboratorio del sonno di dell'università di Camerino (Macerata), guidati dal prof.
    Michele Bellesi della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria. In Italia i malati di Alzheimer sono circa il 4,5% della popolazione over 65, percentuale che cresce fra gli over 80 anni. Il progetto Unicam ha ottenuto un importante finanziamento da parte della fondazione inglese "Alzheimer's Research UK", che consentirà ai ricercatori di testare, per la prima volta, se il miglioramento della qualità del sonno possa ritardare o bloccare l'insorgenza dell'Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative.
    "Attraverso l'utilizzo di un modello transgenico animale che sviluppa la malattia nelle sue caratteristiche principali, molto simile a quella dell'uomo, - spiega il prof. Bellesi -, verificheremo se, potenziando il sonno grazie all'utilizzo di opportuni stimoli sensoriali durante specifici stadi del sonno, riusciremo a frenare il decorso della malattia. Si potrebbe aprire la strada allo sviluppo e applicazione di approcci che sfruttano la stimolazione sensoriale durante il sonno, - conclude - come letti oscillanti intelligenti o fasce audio indossabili, che potrebbero rallentare la progressione della malattia nelle persone affette da Alzheimer attraverso il miglioramento della qualità del sonno". (ANSA).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24