Comuni: Macerata, targa ringraziamento a Questore Pignataro

Marche
97a201e4f8e480e90dd045c4cb315706

Funzionario destinato a Roma. Sindaco, ha riportato sicurezza

   La città di Macerata ha salutato il Questore Antonio Pignataro in procinto di lasciare il capoluogo e le Marche per un incarico a Roma. Con la consegna di una targa ricordo durante una breve cerimonia, il sindaco Sandro Parcaroli ha voluto nel pomeriggio esprimere il ringraziamento dell'amministrazione comunale e dell'intera città alla persona che lui stesso ha definito "un amico con profonde doti umane e professionali".
    L'attività del Questore Pignataro a Macerata era iniziata nel febbraio del 2018 in un momento molto difficile per la comunità maceratese scossa da due tragici eventi: l'omicidio di Pamela Matropietro e la sparatoria contro migranti attuata da Luca Traini. "Il mio più sentito ringraziamento a nome dell'amministrazione e della comunità che rappresento - ha affermato il sindaco - va all'uomo e al servitore dello Stato arrivato in città in uno dei momenti più bui della nostra storia. Grazie al suo lavoro tenace e al valoroso supporto dei suoi colleghi, della Procura di Macerata e di tutte le forze dell'ordine, è riuscito a riportare in città maggiore tranquillità e la possibilità di fruire in condizioni di sicurezza degli spazi comuni che per troppo tempo erano stati strappati ai cittadini a causa delle piazze di spaccio".
    "Sono qui come servitore dello Stato - ha detto Pignataro nel suo saluto - E' vero, quando sono arrivato ho lavorato anche 20 ore al giorno e ho passato notti in bianco, ma non mi è pesato.
    Ho svolto il mio lavoro con passione e lealtà perché Macerata lo meritava". (ANSA).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.