Corinaldo: un altro nega le accuse

Marche
80f09c2bd296313192d20e14b6e49075

Gli arrestati si avvalgono della facoltà di non rispondere

(ANSA) - MODENA, 6 AGO - Spezza il fronte del silenzio un altro dei giovani arrestati per la strage di Corinaldo (Ancona) tra il 7 e 8 dicembre scorso, costata la vita a cinque giovani e a una madre. È Moez Akari che, come fatto ieri dal compagno della sua 'batteria' Andrea Cavallari, si è avvalso della facoltà di non rispondere per tutti i capi di imputazione tranne per quelli legati alla tragedia della Lanterna Azzurra, dai quali ha preso le distanze.
    "Ha ribadito l'assoluta estraneità alla vicenda di Corinaldo - spiega il suo avvocato Gianluca Scalera all'uscita del carcere Sant'Anna di Modena - Era lì, ma non c'entra niente con il discorso dello spray. Non ha avuto alcun tipo di contatto con gli altri, alcuni dei quali nemmeno conosceva". A parte due degli indagati, ieri Cavallari e oggi Akari, il resto della 'banda' dello spray si avvale compatta della facoltà di non rispondere davanti al gip in carcere a Modena. Stessa linea per il titolare del compro oro Andrea Balugani, indagato come presunto ricettatore.
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24