Chiuse indagini per 'untore' Hiv

Marche
ancona

Accusato di omicidio volontario aggravato e lesioni gravissime

Chiuse le indagini per il presunto untore dell'Hiv Claudio Pinti. La notifica è del 20 ottobre, appena quattro giorni dopo l'incidente probatorio relativo alle perizie mediche disposte dal gip, che hanno evidenziato che è stato il 35enne autotrasportatore di Montecarotto a trasmettere l'Hiv prima alla compagna deceduta nel 2017, e poi all'ex fidanzata, che lo aveva denunciato. In base alle indagini partite dopo la denuncia, Pinti è stato arrestato il 12 giugno.
    Le accuse contestate sono omicidio volontario aggravato, relativo alla morte della compagna, che lui avrebbe indotto a non curarsi (parti lese sono la madre e la sorella della donna, morta per una patologia legata all'Aids) e lesioni personali gravissime nei confronti della ex fidanzata alla quale ha trasmesso il virus con rapporti sessuali non protetti, senza informarla che era sieropositivo.
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.