"I am Greta": arriva su Sky il film di Nathan Grossman che parla dell'attivista svedese

Cinema

Denise Negri

Una pellicola per scoprire non solo le "battaglie climatiche" di Greta Thunberg ma anche gli aspetti meno conosciuti della sua quotidianità. Il regista Nathan Grossman presenta un documentario con filmati inediti che ripercorre l'ascesa della ragazza divenuta simbolo del climate change. Disponibile su Sky Primafila Premiere dal 14 novembre

Era l'agosto del 2018 e Greta Thunberg aveva 15 anni: sola e con un cartello in mano si mise davanti al Parlamento Svedese e iniziò a manifestare per il “climate change”. Amici di amici avvisarono il poco più che ventenne Nathan Grossman che, felice di poter usare la nuova macchina da presa, la raggiunse, la filmò e di fatto non la lasciò più. E’ da qui che nasce I am Greta, una forza della naturail film documentario disponibile su Sky Primafila. Una pellicola forte e sincera in cui, della ragazza diventata simbolo concreto della lotta per la salvaguardia del nostro pianeta, scopriremo quel sorriso che in tante altre occasioni pubbliche le è mancato, così come la parte più intima quella dei giochi e degli scherzi con i suoi genitori o il suo aspetto più vulnerabile, quello della preoccupazione, della stanchezza e dei dubbi. 

approfondimento

Il trailer di " I Am Greta", il documentario su Greta Thunberg

Presentato già alla Mostra del Cinema di Venezia e passato anche al Toronto Film Festival nel film potremo intravedere nuove sfumature dell’adolescente che con tenacia e perseveranza chiede un futuro migliore per il mondo, appoggiata adesso anche da milioni di studenti nei “Fridays for future”. Nathan Grossman da quel 2018 di fatto non ha più smesso di seguirla e filmarla, sposando in pieno, ovviamente, le battaglie di Greta tanto da scegliere divenire in treno in laguna per presentare il film, invece che con un inquinante aereo. Decisione che fa il pari con quella presa da Greta stessa, e da Nathan così ben documentata nel film, di raggiungere New York in barca a vela attraverso l’Oceano Atlantico. Era il 2019 e Greta era attesa all’Onu.

Spettacolo: Per te