Immagina un mondo migliore. Zero preconcetti. Zero limiti. Zero emissioni.

L'inizio di una storia

Quella di Toyota è la storia di un brand che da oltre vent’anni traccia una strada che va oltre ogni barriera, con l'obiettivo di costruire un mondo migliore attraverso una mobilità sostenibile. Una mobilità che non lascia indietro niente e nessuno.

Toyota ha raccolto la sfida di coniugare mobilità e sostenibilità, iniziando lo sviluppo del sistema ibrido, che la portò nel 1997 al lancio della prima auto Full Hybrid, la Prius, e successivamente a diventare leader nel mondo della elettrificazione.


Da una mobilità più efficiente e sostenibile a una società migliore per tutti... Perché fermarsi a zero, quando si può andare oltre?

Non l'obiettivo finale, ma una tappa del percorso verso un mondo migliore

Un mondo dove quello delle zero emissioni non è l'obiettivo finale, ma una tappa intermedia, verso un futuro nel quale spostarsi renda il mondo un luogo migliore, un posto dove le persone possano muoversi senza barriere e limitazioni e in totale sicurezza.

Il lungo percorso di Toyota verso l'elettrificazione ha avuto inizio nel 1997 con la tecnologia Full Hybrid impiegata nel modello Prius - la prima automobile ibrida di massa e globale - proseguito poi con i veicoli Plug-in Hybrid, Full Electric e Fuel Cell Electric a idrogeno, un’alimentazione rivoluzionaria a zero emissioni, pensata per guidarci in un mondo in cui avremo solo acqua dietro di noi, e aria pura sopra di noi.


Per compiere insieme questo viaggio verso il futuro, occorre guardare a ciò che da sempre ci rende umani e permette di espandere la nostra umanità

Il Format

Raccontare il presente per capire il futuro. Questa la mission di Sky TG24 che insieme a Toyota ha dato vita a 6 contenuti inediti 'Beyond Zero'. Sono 6 le tematiche principali esplorate, attraverso il racconto di Massimo Temporelli dalla riduzione delle emissioni all’azzeramento delle limitazioni, da una mobilità più efficiente a una società migliore per tutti... . Approfondimenti considerati rilevanti per promuovere sempre di più una consapevolezza maggiore e condivisa.

La voce di... Massimo Temporelli

Massimo Temporelli si laurea in Fisica all’Università di Milano con una ricerca sperimentale sulle onde elettromagnetiche e la ricostruzione fedele dell’apparato sperimentale di H.R. Hertz. Fisico, da 20 anni si occupa di diffusione della cultura scientifica, tecnologica e dell'innovazione. Lo fa nelle aule universitarie, sul web, nei musei, nell'editoria, in radio, in televisione, nelle aziende e nei FabLab.

Guarda le puntate

Nel 1867, a Parigi, una quattro ruote si muoveva silenziosamente spinta dall’elettricità...Era la prima auto elettrica e nacque ben prima dell’auto a benzina... Entrambe si devono a importanti contributi della comunità scientifica italiana. Nel 1856 gli inventori toscani Eugenio Barsanti e Felice Matteucci costruirono il primo motore a combustione interna, mentre ne l 1860 Antonio Pacinotti, anch’esso toscano, costruì il primo motore elettrico.

La visione di Toyota sulla elettrificazione

Anche se l’auto a combustione interna ha dominato il Novecento, verso la fine del secolo la tecnologia elettrica è stata ripresa, migliorata, così da essere applicabile alla mobilità contemporanea. Sin dagli anni Novanta Toyota investe risorse economiche e intellettuali per sviluppare nuove soluzioni di mobilità elettrificate e nel 1997 ha introdotto PRIUS, la prima automobile ibrida della storia prodotta in serie. Oggi Toyota propone un vero e proprio ecosistema di elettrificazione della mobilità, che contempla le soluzioni Full Hybrid, Plug in Hybrid, elettrico a batteria ed elettrico alimentato da fuel cell a idrogeno.

Viene chiamata decarbonizzazione, ovvero, il processo che ha l’obiettivo di sostituire le fonti fossili a favore di quelle rinnovabili (vento, sole e acqua).
Solo in questo modo è possibile ottenere un ciclo perfettamente sostenibile... A questo processo devono partecipare tutti gli attori: i produttori di energia, ai quali spetterà il compito di gestire la trasformazione industriale eliminando completamente le fonti fossili, i produttori di auto, che dovranno progettare e produrre auto elettrificate e tutti i cittadini, che dovranno adottare sempre di più comportamenti virtuosi. Toyota sta lavorando in questa direzione e proprio quest’anno ha presentato il nuovo bZ4X, rafforzando il suo approccio multi-tecnologico e offrendo ai clienti una gamma completa di veicoli elettrificati.

Il nuovo Toyota bZ4X, 100% elettrico

L’auto full electric sarà una delle protagoniste della transizione energetica in atto, la più importante strategia politica e industriale condivisa da molti dei paesi occidentali che prevede l’abbattimento dell’emissione di CO2 nei prossimi decenni. Queste auto infatti non producono CO2 perchè al loro interno non avviene la combustione, responsabile della produzione di CO2, ma utilizzano energia elettrica accumulata in una batteria che poi mette in funzione un motore elettrico, muovendo la nostra auto…

 

Una rivoluzione tecnologica porta con sé anche una rivoluzione culturale, questo succede da sempre, da quando l’uomo ha imparato a governare il fuoco primordiale... 

Kinto, il brand del gruppo Toyota per i servizi di mobilità

Anche il XXI Secolo, con la diffusione delle tecnologie digitali, sta portando un profondo cambio culturale. Parole come sharing e community, ad esempio, che prima dominavano solo il mondo digital, oggi stanno sempre più caratterizzando anche il mondo fisico. E così, quello che si registra in questi ultimi anni è un trend chiaro, un nuovo modo di consumare beni e servizi, un modo più sostenibile, inclusivo e condiviso. In questo scenario Toyota sta affrontando già da anni un processo di trasformazione da Automotive Company a Mobility Company. Uno dei passi significativi di questa evoluzione è rappresentato dalla creazione di KINTO, il terzo brand globale del gruppo Toyota, dedicato ai servizi di mobilità.

Oggi stiamo vivendo un nuovo Rinascimento, dove l’uomo e le sue esigenze tornano al centro della nostra attenzione in un ritrovato equilibrio con la natura.  Uno dei simboli più alti del Rinascimento è Leonardo da Vinci che con il suo uomo vitruviano è riuscito a rappresentare perfettamente questa centralità e questo equilibrio... 

Una customer experience memorabile

Nel business e tra chi produce prodotti e servizi, si parla sempre più di centralità del cliente. E così, le aziende più sensibili a questo importante cambiamento culturale stanno ponendo grande attenzione alla “customer experience”, ovvero all’esperienza che il cliente vive dal momento in cui entra in contatto con il brand con cui stabilisce un rapporto continuativo, positivo e di fiducia. In un’ottica davvero rinascimentale Toyota va anche oltre, mettendo le persone al centro della sua visione, con l’obiettivo di contribuire alla realizzazione di una società migliore. Un esempio concreto di questa visione è WeHybrid, un programma rivoluzionario che Toyota ha lanciato per i possessori di auto ibride e che rende ancora più evidenti e tangibili i vantaggi della tecnologia Full Hybrid, che permette elevate percorrenze a zero emissioni.

 

Mentre aziende e cittadini si stanno impegnando nell’elettrificazione della mobilità, scienziati e tecnici stanno studiando nuove soluzioni per alimentare i nostri mezzi di trasporto in modo da essere ancora più efficaci nella lotta contro il cambiamento climatico.

La società dell'idrogeno nella visione Toyota

Una delle tecnologie più studiate e promettenti in questo senso è quella dell’idrogeno, che se applicata su larga scala potrebbe davvero avere un impatto incredibilmente positivo, azzerando del tutto l’inquinamento. Perché l’idrogeno elimina completamente il carbonio dal ciclo della produzione dell’energia. Toyota sta investendo su questa risorsa perchè ritiene che il suo utilizzo possa portare grandi benefici alla società e all’ambiente. Per questo, non solo utilizza la sua tecnologia a fuel cell alimentate a idrogeno sulle auto ma anche in diverse altre applicazioni (come per esempio treni, autobus, imbarcazioni, impianti stazionari) ed ha addirittura liberalizzato circa 8.000 brevetti su questa tecnologia.

 

Le nostre società, la nostra cultura e le nostre vite sono imprescindibilmente complesse, perché caratterizzate da molte connessioni. Le stesse città in cui viviamo, oltre a diventare intelligenti diventeranno anche sempre più complesse...

La città del futuro, Woven City

Toyota crede così tanto in questo paradigma, nella ricchezza delle connessioni e della complessità, che sta costruendo ai piedi del Monte Fuji, in Giappone, Woven City che in inglese significa ‘città intrecciata’. Questo è un tentativo molto concreto di costruire una città migliore nella quale i mezzi di trasporto, le infrastrutture e gli edifici saranno connessi tra di loro e dove ci si sposterà solamente con mezzi a zero emissioni e l’idrogeno sarà la principale fonte energetica, rinnovabile e pulita. Proprio così, una città «rivoluzionaria», connessa, digitale e sostenibile.

 

Zero non è abbastanza. Quello delle zero emissioni non è l’obiettivo finale, ma una tappa del percorso verso la realizzazione di un mondo migliore

La concept car LQ, totalmente automatizzata, dotata di un assistente con intelligenza artificiale chiamato 'Yui' che impara dal tuo comportamento e offre un’esperienza più personalizzata creando un legame emotivo tra auto e conducente.

L’idrogeno ottenuto da energie rinnovabili è completamente privo di carbonio. E quando viene trasformato in elettricità, l'unica emissione prodotta è acqua. È inoltre facile da immagazzinare e trasportare, il che permette di sfruttare appieno il potenziale di sostenibilità quando ottenuto da fonti energetiche rinnovabili. Inoltre, dal momento che l’idrogeno si trova praticamente ovunque, rappresenta una fonte di energia estremamente conveniente.

Una nuova generazione di veicoli elettrici a batteria (BEV) sfrutta tutta l'esperienza nell’elettrificazione per offrire un mix unico di potenza, affidabilità e prestazioni. Ciascun veicolo BEV utilizza esclusivamente l’energia della batteria, senza consumare carburante né generare emissioni.

I veicoli alimentati a idrogeno rappresentano, di fatto, i veicoli elettrici di ultima generazione. Questa tecnologia rivoluzionaria è alimentata dalla reazione chimica che avviene tra idrogeno e ossigeno all'interno delle celle a combustibile, anziché dalla tipica combustione di propellenti fossili che avviene nei motori convenzionali. I veicoli Fuel Cell Electric a idrogeno hanno tutte le potenzialità per rivoluzionare il modo in cui guidiamo.

Scopri di più