Il 'Friuli' diventa vino Dop, arrivato ok Ue

Friuli Venezia Giulia
c24cc03b851735f83ef6009f65802728

Shaurli: 'definitiva e giusta conclusione di un percorso lungo decenni'

Le denominazioni "Friuli" e "Friuli Venezia Giulia", e le rispettive traduzioni in sloveno "Furlanija" e "Furlanija Julijska krajina", sono state ufficialmente iscritte al registro europeo dei vini Dop. Il via libera è arrivato dalla Commissione europea. La tutela del nome potrà essere riservata a un gruppo di vini fermi e frizzanti originari delle provincie di Pordenone, Gorizia, Trieste e Udine nel Friuli Venezia Giulia, dove la coltivazione è cominciata nell'VIII secolo a.C, e presentano delle caratteristiche peculiari attribuibili ai microelementi presenti nei terreni che ne definiscono gli aromi. I vini friulani si uniscono così ad altri 1174 vini DOP già tutelati dall'Ue, l'elenco completo è consultabile nella banca dati online eAmbrosia. 

"Grande soddisfazione: è la definitiva e giusta conclusione di un percorso su cui si lavorava da decenni e che nella scorsa legislatura ha trovato l'accordo sul disciplinare e poi con il Ministero, grazie anche alla collaborazione di rappresentanze ed agricoltori. ". Così il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, all'annuncio che le denominazioni "Friuli" e "Friuli Venezia Giulia", e le rispettive traduzioni in sloveno "Furlanija" e "Furlanija Julijska krajina", sono state ufficialmente iscritte al registro europeo dei vini Dop. "Ora c'è anche il via libera della Comunità Europea ma ormai da anni - continua l'esponente dem - i nostri vini potevano essere imbottigliati come Doc Friuli o Doc Friuli Venezia Giulia. Questo periodo ci ha permesso di certificarne il successo: i numeri di ettari rivendicati e di aziende che hanno scelto la Doc regionale sono lì a dimostrarlo. Anche il numero di quanti erano critici quando ho avviato il percorso - ricorda Shaurli che era assessore all'Agricoltura nella precedente legislatura - oggi si è molto ridotto. Perché le peculiarità dei diversi territori sono rimaste: chi ha scelto di continuare con la Doc Carso o Collio ha potuto farlo mentre molti hanno trovato un'opportunità in più per far conoscere la nostra qualità sui mercati internazionali". "Spero che questo risultato ci faccia capire ancor di più quanto è importante saper fare squadra e - conclude Shaurli - quanto è fondamentale puntare su marchi di qualità riconosciuti dal mercato e a livello internazionale". 

Trieste: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.