Regeni: padre, zone grigie da Egitto e Italia

Friuli Venezia Giulia
@ANSA
18650e54bde05edaff802d66ae4c1b22

Madre, di torture saputo da giornali, è stata una super-botta

(ANSA) - ROMA, 4 FEB - "Ci sono zone grigie sia dal governo egiziano, che é recalcitrante e non collabora come dovrebbe, ed anche da parte italiana, che non ha ancora ritirato il nostro ambasciatore al Cairo. Da tempo chiediamo il ritiro dell'ambasciatore". Lo ha detto Claudio Regeni, ascoltato con la moglie Paola Deffendi, dalla commissione parlamentare d'inchiesta sull'uccisione del giovane ricercatore friulano.
    "L'ambasciatore italiano al Cairo Cantini da molto tempo non ci risponde - ha sottolineato - evidentemente persegue altri obiettivi rispetto a verità e giustizia, mentre porta avanti con successo iniziative su affari e scambi commerciali tra i due Paesi".
    Ripercorrendo i momenti immediatamente successivi alla morte di Giulio la madre ha aggiunto: "Abbiamo scoperto che Giulio era stato torturato leggendo i giornali. Non ci era stato riferito dall'ambasciata per una sorta di tutela nei nostri confronti, ed è stata una super-botta per noi".
   

Trieste: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.