Coronavirus: tamponi di massa in 17 comuni del Trentino

Trentino Alto Adige
f4fe14d9cf219fbbae3a21c64d6a3648

Dove contagi oltre il 2% della popolazione, coinvolti in 32.000

(ANSA) - TRENTO, 22 MAG - Tamponi di massa saranno eseguiti nei prossimi giorni su 32.000 persone residenti in 17 comuni del Trentino, un numero pari al 6% dell'intera popolazione della provincia, per migliorare il controllo sulle dinamiche di contagio da coronavirus laddove i dati hanno dimostrato una maggiore incidenza. Lo ha disposto il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, dando mandato all'Azienda provinciale per i servizi sanitari di effettuare i test di massa ai cittadini che risiedono in comuni dove i casi positivi superano il 2% della popolazione.
    In precedenza era stata condotta una sperimentazione di test sierologici effettuati a tappeto sui residenti dei comuni di Pieve di Bono Prezzo, Vermiglio, Campiteĺlo di Fassa, Canazei e Borgo Chiese.
    "Il criterio adottato - ha spiegato Fugatti - è stato quello di prendere come riferimento un indice di prevalenza superiore al 2%, al netto dei casi registrati all'interno di Rsa eventualmente presenti in un comune".
    I comuni interessati - informa la Provincia - sono Pellizzano, Mazzin, Moena (qui l'indice è 1,4 ma viene incluso nel progetto per vicinanza ad altri comuni con indice superiore al 2%), Sen Jan, Soraga, Bondone, Caderzone Terme, Castel Condino, Giustino, Massimeno, Pinzolo, Sella Giudicarie, Storo, Valdaone, Drena, Ledro, Cavedago. I primi cittadini sottoposti a tampone su base volontaria saranno quelli residenti in val di Fassa. (ANSA).
   

Trento: I più letti