Inchiesta scaldacollo Bolzano, indagato assessore

Trentino Alto Adige
59d662100d9c4df1ee193d0d92e418bc

Ipotesi reato turbata libertà degli incanti

(ANSA) - BOLZANO, 21 MAG - L'assessore alla sanità della Provincia di Bolzano, Thomas Widmann, è indagato per la vicenda degli scaldacollo, acquistati dalla Provincia in marzo per essere distribuiti gratuitamente alla popolazione durante l'emergenza coronavirus.
    Gli scaldacollo erano stati commissionati all'azienda bolzanina Texmarkt di proprietà di Christoph Widmann, un cugino dell'assessore. L'indagine, si apprende, prevede come ipotesi di reato la turbata libertà degli incanti (art. 353 cp) per l'acquisto di scaldacollo dalla ditta dei cugini senza alcuna delibera preventiva e senza gara. Nel corso della perquisizione di questa mattina, da parte dei carabinieri negli uffici dell'assessorato, è stata effettuata una copia forense del telefono ed è stata sequestrata documentazione relativa all'acquisto e distribuzione degli scaldacollo presso la società. (ANSA).
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.