Caldo e freddo, sensibilità oggetti è questione di geometria

Trentino Alto Adige
@ANSA
6160cdf45f5feea03fa7a09db46b8853

Pubblicato studio di università di Trento, Cagliari e Brescia

(ANSA) - TRENTO, 19 DIC - Il controllo delle deformazioni termiche di un oggetto non deriva esclusivamente dal materiale usato per costruirlo, ma anche dalla geometria della sua microstruttura, e intervenire su di essa permette di rendere un dispositivo "insensibile" o "molto sensibile" alle variazioni di temperatura. Lo afferma uno studio congiunto delle Università di Trento, Cagliari e Brescia che ha conquistato la copertina della rivista scientifica "Proceedings of the Royal Society A".
    Finora si associava l'attitudine di un corpo a modificare il proprio volume al variare della temperatura solamente al tipo di materiale utilizzato. Con degli esperimenti condotti all'Università di Trento su un prototipo di metamateriale, è stato dimostrato come sia possibile controllare le deformazioni termiche.
    I risultati dello studio aprono prospettive promettenti per la realizzazione di nuovi materiali da impiegare sia in ambiti dove le deformazioni termiche sono un rischio sia dove tali deformazioni sono vantaggiose.
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.