Torino, fatture per operazioni inesistenti: cinque arresti

Piemonte
©Ansa

L'inchiesta, durata due anni, ha preso in considerazione l'attività di 17 aziende. L'evasione delle imposte avveniva attraverso la costituzione di società fittizie

Fatture per operazioni inesistenti per quasi 18 milioni di euro nel settore dei rottami ferrosi. Questo è quanto scoperto a Torino dalla guardia di finanza che ha eseguito otto misure cautelari, tra cui cinque arresti domiciliari e tre obblighi di dimora. Scoperta una evasione fiscale da oltre due milioni e mezzo di euro, che ha anche portato all'iscrizione nel registro degli indagati di 22 persone, tre delle quali percepivano il reddito di cittadinanza.

L'indagine

L'inchiesta, durata due anni, ha preso in considerazione l'attività di 17 aziende. L'evasione delle imposte avveniva attraverso la costituzione di società fittizie, che avevano l'unico scopo di emettere fatture per operazioni inesistenti, ottenerne il pagamento e retrocedere il denaro alle imprese beneficiarie della frode dietro la corresponsione del 5% dell'imponibile indicato nella fattura, affinché queste ultime potessero ottenere risparmi d'imposta milionari.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24