Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Euro 2020, la Turchia ferma la Francia: saluto militare dopo gol del pari. VIDEO

3' di lettura

Nessun incidente nel match allo Stade de France, finito 1-1, dopo le tensioni e i timori della vigilia, e gli appelli per annullare la partita. Ma i giocatori turchi esultano sotto i propri tifosi rifacendo il saluto già visto nella scorsa partita contro l'Albania

È stata una partita tranquilla, dopo una vigilia carica di tensioni, la sfida tra Francia e Turchia disputata a Parigi e valida per il girone H delle qualificazioni agli Europei 2020, terminata 1-1. La squadra turca però, che ha ottenuto il pareggio con una rete di Ayhan all’82’, in occasione del gol si è riunita sotto la curva dei propri tifosi per festeggiare con il saluto militare, già visto in occasione della sfida vinta contro l'Albania, un gesto considerato di sostegno dell’esercito impegnato nell’offensiva in Siria lanciata da Erdogan (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI).

Ayhan risponde a Giroud, Francia e Turchia in testa al girone

In campo la Francia è stata accompagnata nelle sue azioni dai continui fischi da parte della nutrita rappresentanza di tifosi turchi. I Bleus hanno creato molto nel primo tempo, senza però riuscire a battere il portiere ospite. Il risultato si è sbloccato nella ripresa, grazie all'esperto Olivier Giroud, entrato al posto di Ben Yedder e andato in gol al 31'. Una rete che sarebbe valsa la qualificazione per i Bleus, ma la Turchia ha risposto al 37', quando Ayhan di testa ha trovato il varco giusto per il pareggio. Francia e Turchia sono appaiate in testa al girone con 19 punti. Il contemporaneo successo dell’Islanda su Andorra ha rinviato la qualificazione per entrambe lasciando aperte le speranze per gli isolani.

Le tensioni della vigilia e il saluto militare

La vigilia della partita era stata segnata dai forti timori per la sicurezza e dai veleni politici e diplomatici scoppiati dopo l'intervento armato turco contro le postazioni curde nel nord della Siria. A Parigi si erano moltiplicati gli appelli a boicottare se non annullare l'incontro tra la Francia e la Turchia, una nazionale accusata di essere divenuta il ''megafono della propaganda" di Erdogan dopo i saluti militari fatti la settimana scorsa dai calciatori nel precedente incontro contro l'Albania. In occasione di Francia-Turchia lo Stade de France è stato blindato da un ingente dispositivo di sicurezza per timori di scontri. Ma si temeva anche per eventuali fischi alla Marsigliese, già partiti da parte turca nel match di andata. I fischi non ci sono stati, ma non mancheranno le polemiche per il saluto militare dei giocatori turchi al gol del pareggio di Ayhan (HAKAN SUKUR CONTRO ERDOGAN).

L'esultanza dei giocatori turchi al gol di Ayhan (foto Getty)

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"